Parasite

/ 20198.3211 voti
Parasite

La famiglia Kim vive in ristrettezze economiche: tutti i suoi componenti sono disoccupati e si sono ridotti a vivere in un sottoscala che, spesso, è oggetto di una puzzolente derattizzazione. Ai Kim, padre, madre e due figli in età universitaria, si presenta una inaspettata possibilità di guadagno e ne approfittano subito.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: 기생충
Attori principali: Song Kang-hoSong Kang-hoLee Sun-kyunLee Sun-kyunCho Yeo-jeongCho Yeo-jeongChoi Woo-shikChoi Woo-shikPark So-damPark So-damLee Jung-eun, Chang Hyae-jin, Park Myung-hoon, Jung Ji-so, Jung Hyeon-jun, Park Keun-rok, Jung Yi-seo, Cho Jae-myung, Jeong Ik-han, Kim Gyu-baek, Ahn Seong-bong, Yoon Young-woo, Park Jae-wook, Lee Dong-yong, Jeon Eun-mi, Kim Geon, Lee Joo-hyung, Lee Ji-hye, Kim Bo-ryeong, Park Hye-sook, Baek Seung-hwan, Riccardo Ferraresso, Ko Kwan-jae, Lee Si-hoon, Seo Bok-hyeon, Shim Soo-mi, Yoon Hye-ri, Andreas Fronk, Anna Elisabeth Rihlmann, Rosie Peralta, Shin Seung-min, Park Seo-jun, Kwak Sin-ae
Regia: Bong Joon-hoBong Joon-ho
Sceneggiatura/Autore: Bong Joon-ho, Han Jin-won
Colonna sonora: Jung Jae-il
Fotografia: Hong Kyung-pyo
Costumi: Choi Se-yeon
Produttore: Bong Joon-ho, Miky Lee, Moon Yang-kwon, Bang Ok-kyung, Park Myeong-Chan, Jang Young-hwan, Kwak Sin-ae, Lim Myeong-gyun
Produzione: Corea del Sud
Genere: Orientale, Drammatico
Durata: 132 minuti

Grande impatto / 21 Febbraio 2020 in Parasite

Ho visto questo film piuttosto in ritardo, dopo il suo trionfo agli Oscar.
E dopo aver letto e sentito vari commenti che sottolineano la denuncia sociale del film, il divario delle classi sociali e blablabla.
Avevate bisogno di un film coreano per rendervi conto delle disuguaglianze sociali?
Trovo che sia piuttosto riduttivo, e un po’ fastidioso, concentrarsi sulla questione sociale del film, peraltro piuttosto manichea (perlomeno nella caratterizzazione dei ricchi).

A mio parere, il film ha ben altri meriti.
Una storia avvincente, dal gran ritmo, che ti conquista e diverte inizialmente come una buona commedia per poi trascinarti nell’abisso.
Grande regia, forte impatto e suggestione visiva, e un finale emotivamente intenso.

Mi sembra un film da rivedere, e che lascia immagini e pensieri più interessanti del banale “uh i poveri sono poveri e i ricchi sono ricchi”.
Ad esempio, l’imprevedibilità della trama, non credo sia solo un espediente narrativo ma anche parte della poetica del film, con il discorso dei “piani” che percorre tutto il film.
Alcune “metafore” sono un po’ ovvie, e ciononostante affascinanti per la loro messa in scena.

Un grande film. Non so se è un capolavoro, a caldo non riesco a dargli meno di 9, penso che sia il film migliore del 2019 (per quanto, è un’opinione che conta poco, mica ho visto tutti i film dell’anno!)

Leggi tutto

Wow! / 10 Febbraio 2020 in Parasite

Un film che ti sconvolge, che fa riflettere e che ti tocca dentro, che ti rimane sotto il naso e ci ripensi… a quanto ricchi e poveri possano essere così diversi ma altrettanto simili.
Un bel racconto, una storia odierna e ben congegnata, che come enfatizza il titolo, si annida nella tua testa man mano che prosegue la vicenda, con il tarlo di sapere dove andrà a parare.
Si sorride, ed è sbalorditivo quanto possa girare bene a questa famiglia disagiata, fino ad arrivare ad un finale inesorabile, preannunciato, che odora ancora di perdita e povertà.
Visto in lingua originale è stato un po’ una fatica, ma di certo l’ho apprezzato molto.
Miglior film? Non saprei, di certo un ottimo film, ben diretto e interpretato.
7,5

Leggi tutto

“Tutto quello che dovrai fare sarà salire le scale” / 2 Febbraio 2020 in Parasite

Joon Ho Bong descrive la guerra tra poveri e il divario sociale in Corea con un film pungente, mordace e malinconico, una contrapposizione tra due famiglie, una povera e una ricca, intelligente e machiavellica che riesce a intrattenere, a far sorridere, commuovere e riflettere lo spettatore per oltre due ore. Una regia impeccabile e un finale agrodolce contribuiscono a rendere questo film un piccolo capolavoro.
Il cinema coreano si conferma ancora una volta di altissimo livello. Consiglio la visione in lingua originale.

Leggi tutto

Metafore insistite / 17 Novembre 2019 in Parasite

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

(Vaneggiamenti sparsi)

Ho riso a denti stretti, guardando Parasite, come, molto probabilmente, avrei fatto guardando per una volta ancora le disavventure di un Manfredi, un Sordi o un Gassman in una buona commedia all’italiana che fu. In questo film sudcoreano, c’è il familiare ingegno del povero/del disagiato dal cervello fine e lo stomaco vuoto della tradizione letteraria e della commedia dell’Arte italiana.
Nel film Palma d’Oro a Cannes 2019, in sostanza, c’è la grottesca rappresentazione della tragicommedia che fonda la guerra tra poveri, l’humus su cui proliferano persone (consapevoli o “ignare”) come quelle che vivono nella super casa dell’archistar.

Ma il film non mi ha convinta appieno. Pur mettendo in scena con eccellenti capacità tecniche il palese divario socioeconomico in cui siamo immersi fino al collo (proprio come Ki-taek, il capofamiglia “povero”, quando tenta di recuperare qualcosa nel seminterrato allagato dall’acqua delle fogne), Bong Joon-ho non mi ha detto niente di nuovo che non sia stato rappresentato con altrettanta forza ed eleganza visiva da altri autori contemporanei. Per esempio, nonostante le premesse siano diverse, Parasite mi ha ricordato molto il cinema di Lanthimos, in particolare Il sacrificio del cervo sacro. Anche qui, un agente endemico si insinua in un contesto famigliare. Ci sono debite differenze, tra i due film, eppure, visto il tema comune e il costante ed esplicito richiamo all’uso della metafora, mi ritrovo a dire che, a suo tempo, sono rimasta molto più turbata dal lavoro di Lanthimos che da quello di Bong Joon-ho.

Probabilmente, nel film sudcoreano, mi aspettavo una deflagrazione ancora più potente di quella vista nel finale, un minor didascalismo nella rappresentazione del conflitto umano e delle classi sociali (es. la puzza di povertà è impossibile da togliere; a chi vengono prospettate urgenti cure mediche, tra la ragazza gravemente ferita -una dipendente- e il bambino colpito da un attacco epilettico -il figlio del “padrone”? Ecc.).

A livello narrativo, probabilmente, mi aspettavo (limite mio) una maggiore influenza della presenza dei Kim in casa dei Park. Intendo dire: gli “intrusi” non cambiano di un millimetro gli equilibri della famiglia ospite (finale a parte). Non c’è un’evoluzione dello status quo famigliare. A un certo punto, ho immaginato che i Kim avrebbero impedito ai Park di rientrare in casa o che, non so bene come, avrebbero finito per sostituirsi a loro, una specie di La cosa o L’invasione degli ultracorpi in versione sudcoreana, ma senza gli elementi splatter.
Altra mia fantasia: al di là dell’uso pedissequo della pioggia torrenziale che è bella, atmosferica, affascinante per chi sta all’asciutto in una casa confortevole e, al contrario, trasforma in ratti pronti a morire affogati chi abita nei quartieri poveri e sovraffollati, dove esplodono i tombini otturati dalla spazzatura, credevo che l’acquazzone avrebbe influito sullo sviluppo del racconto, creando problemi nel seminterrato, portando letteralmente a galla i segreti della casa, ecc.

A latere, non sono proprio riuscita a capire qual è il significato simbolico della roccia di cui Ki-woo non vuole liberarsi. Per esempio, perché la porta con se nel seminterrato, combinando un guaio, tanto per cambiare? Non credo che avesse intenzione di uccidere i primi “parassiti”.

Nota: credo che, perlomeno nella versione italiana, ci sia stato un errore di doppiaggio (se non addirittura di montaggio, a monte), non so, chiedo conferma. Ben prima che la padrona di casa, Yeon-kyo, racconti del fantasma visto da Da-song, la nuova governante, mamma-Kim, scoprendo l’uomo nascosto nel seminterrato, dice: “Ecco chi aveva visto Da-song”. Ma, a quel punto del film, non si era mai parlato di un uomo che, di nascosto, emergeva dalle viscere della casa, alla ricerca di cibo, allucinato e spaventoso, proprio come uno spirito impossessatosi della casa.

Leggi tutto

Le gradazioni della società / 21 Agosto 2019 in Parasite

Con il suo ultimo lavoro (Palma d’oro al miglior film al Festival di Cannes 2019 ), Bong Joon-ho torna a una dimensione più effettiva, tangibile e contemporanea, che però non smette di alimentare il fantastico, l’utopico e il surreale che si cela anche in spaccati di vita comune e ordinaria.
Parasite, nel suo incedere narrativo, non trova, nella molteplicità dei suoi generi ( commedia, drammatico, thriller ) un limite, né una disorganica coerenza tra le parti, riproducendo fedelmente( con i dettami della critica e della denuncia ) tutti i paradossi e le idiosincrasie della società odierna.
Avversioni che nella pellicola si traducono nella disparità di classe, nelle contraddizioni sociali, nel disequilibrio fra bisogno e desiderio. Bong Joon-ho non sbaglia un colpo, donando alla telecamera i tratti somatici della realtà, e quindi, come nella realtà, si assiste al sogno e alla sua caduta, nei suoi più disparati livelli, da quello casalingo, privato ( con una fotografia eccellente, nella sua ricerca audace e limpida dei colori e degli spazi architettonici ) a quello chimerico, ideale, sedimentato nelle aspirazioni e nelle ambizioni dell’animo umano.
Un altro capolavoro da aggiungere a Madre e a Memories of Murder.

Leggi tutto