Recensione su Tutte le sere alle nove

/ 19677.06 voti

24 Febbraio 2012

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Un racconto gotico in cui una casa e i fantasmi (psicologici) che la abitano abbracciano in maniera mortifera le anime candide che la occupano, corrompendole.

Il film è particolarmente datato, vuoi per l’estetica, vuoi per i dialoghi, ma -pur con tali “difetti”- è molto affascinante.

La casa tardo-vittoriana ingombra di oggetti e mobili vetusti, la nidiata di bambini atipici, il mistero che aleggia intorno alla figura della madre (il suo tupé, poi!), la piccola medium (vera o presunta? Suggestionata dal fanatismo religioso del gruppo?), le punizioni corporali, la paura sempre incombente del peccato sono elementi profondamente intriganti e altrettanto disturbanti.

La sequenza finale, poi, ha in sé il sapore della tragedia assoluta.
Curioso, ma angosciante.

Lascia un commento