Recensione su Una giusta causa

/ 20187.217 voti

Discriminazione di genere / 10 Aprile 2020 in Una giusta causa

Bel film ispirato alla vera storia di Ruth Bader Ginsburg.
Nel 1956 Ruth Bader Ginsburg (Felicity Jones) è una delle poche donne ammesso al corso di legge di Harvard; sposata con Martin (Armie Hammer) e con una figlia piccola, Jane (Cailee Spaley vista in Pacific Rim 2, la interpreta adolescente), è determinata a lasciare un segno. Nonostante varie difficoltà la ritroviamo nel 1970 a insegnare legge perchè vari studi legali hanno rifiutata di assumerla. Si lancerà in un processo sulla discriminazione sessuale, aprendo la strada alla parità di genere.
Film interessante su una splendida figura femminile, tosta e determinata ben spalleggiata da marito e figlia.
E’ anche interessante il fatto che il processo si basa su una discriminazione su un uomo ma il tutto è logico vista l’epoca che prevedeva le donne chiuse nella loro dimora a badare ai figli e alla casa mentre i mariti pensavano a lavorare e guadagnare la pagnotta.
Nel resto del cast da citare Justin Theroux è l’avvocato dei diritti civili Mel, Kathy Bates fa una piccola apparizione nei panni dell’avocato Kenyon (anche lei specializzata in battaglie per la parità sessuale), Jack Reynor (visto in Midsommer) è l’avvocato del governo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext