1979

Oltre il giardino

/ 19797.9105 voti
Oltre il giardino
Oltre il giardino

Da un romanzo di Jerzey Kosinki. Chance è un giardiniere analfabeta che ha passato tutta la vita con un ricco signore e la sua domestica e il solo mondo che conosce è quello della TV. Alla morte dell'anziano signore, Chance si troverà di colpo proiettato all'esterno e dovrà confrontarsi con il mondo della politica e dei salotti vip.
luca.curtaz ha scritto questa trama

Titolo Originale: Being There
Attori principali: Peter Sellers, Shirley MacLaine, Melvyn Douglas, Jack Warden, Richard Dysart, Richard Basehart, Ruth Attaway, David Clennon, Fran Brill, Denise DuBarry, Alice Hirson, Jerome Hellman, John Harkins, James Noble
Regia: Hal Ashby
Sceneggiatura/Autore: Jerzy Kosinski, Robert C. Jones
Colonna sonora: Johnny Mandel
Fotografia: Caleb Deschanel
Produttore: Andrew Braunsberg, Charles Mulvehill, Jack Schwartzman
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Commedia
Durata: 130 minuti

Buon film con un meraviglioso Peter Sellers / 29 Luglio 2014 in Oltre il giardino

Tutta la prima parte del film è molto bella, ci si affeziona al protagonista, si ride di gusto e c'è spazio anche per una discreta dose di critica sociale rivolta ai meccanismi mediatici americani (principalmente quelli televisivi), poi però il meccanismo si inceppa un po'. Le "uscite" di Sellers cominciano a suonare un po' tutte uguali e nonostante... continua a leggere » alcuni picchi geniali tutto sembra un abbastanza ripetitivo. I momenti di comicità durano un po' troppo e il rischio è quello di cadere nella farsa.
Sellers è comunque immenso ed è impossibile non pensare un po' a Forrest Gump vedendolo alle prese con la follia della nostra società, fatta di assurde complicazioni.
Il finale può lasciare un po' perplessi sul momento, ma è davvero molto poetico.

8 Luglio 2013 in Oltre il giardino

Evidentemente questo tipo di ruoli piace ad una certa categoria di attori perchè Sellers - come Servillo in Viva la libertà! - riesce bene a far passare il messaggio che il politico in sè è una figura usurata, opportunista ed ipocrita.
Quello che secondo me rende più bello il film con Sellers è che il suio giardiniere è fondamentalmente un... continua a leggere » autistico, una persona chiusa nel suo guscio, da cui riesce ad uscire solo attraverso la televisione. Forse "uscire" è il termine sbagliato. Meglio "guardare fuori": Chance guarda il mondo dalla televisione, non lo incontra mai. La sua mente ha i confini del suo giardino. I suoi modi sono quelli gentili e sinceri di un bambino che assurge a guru, mettendo in rilievo l'ipocrisia della gente e del "nostro" mondo.
In viva la libertà! si vuol quasi richiamare alla mente la morte dell'idealismo e dell'ideologia politica, qui si riesce molto meglio ad evidenziare una generale e totale stupidità della politica e della televisione in generale.
Fantastico Sellers: l'uomo giusto per questo tipo di ruolo. Splendido il finale.

3 Febbraio 2011 in Oltre il giardino

Un lontano cugino di Forrest Gump. Vedere per credere.Edit: ma tu guarda... anche nella scheda dicono così! :D