1986

Sacrificio

/ 19868.233 voti
Sacrificio
Sacrificio

Alexander, giornalista filosofo, sta festeggiando il suo compleanno, quando la radio trasmette la notizia che un conflitto atomico è cominciato. Fa così voto di estinguere tutti i suoi averi pur di veder salvi i suoi cari.
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: Offret
Attori principali: Erland JosephsonSusan FleetwoodAllan EdwallGuðrún GísladóttirSven WollterValérie Mairesse, Filippa Franzén, Tommy Kjellqvist, Per Källman, Tommy Nordahl, Tintin Anderzon, Jane Friedmann, Helena Brodin, Martin Lindström, Birgit Carlstén, Jan-Olof Strandberg
Regia: Andrei Tarkovsky
Sceneggiatura/Autore: Andrei Tarkovsky
Fotografia: Sven Nykvist
Costumi: Inger Pehrsson
Produttore: Anna-Lena Wibom
Produzione: Svezia, Gran Bretagna, Francia
Genere: Drammatico
Durata: 149 minuti

19 Agosto 2018 in Sacrificio

Dopo aver visto quest’opera ho capito davvero cosa è un capolavoro. Questo film è una di quelle opere cinematografiche che stanno parecchie spanne sopra le altre. Questo film ti cambia e ti travolge. Bellissimo e toccante. Tarkovskij con questa pellicola supera tutti, da Bergman a Hitchcock, da Kubrick a Dreyer. Ti fa dimenticare cos’è, cosa è stato e cosa sarà il Cinema.

Leggi tutto

Arriva la fine del mondo.Scopati Maria,è una strega / 16 Marzo 2015 in Sacrificio

Autoreferenzialità pura.Tortura.O di come il buon vecchio Tarko decise di chiudere i battenti sborrandosi platealmente addosso.Con una la vera e propria chiusura con un interminabile piano sequenza di un paio di minuti che sembrano un paio d’ore con musica di sottofondo pomposissima e una boria spaventevole.Ma prima:
Riflessioni ultramegafilosofiche e pseudomassime che si tramutano in supercazzole che fan cadere palle,braccia e pure culo.E credo che far cadere pure il c**o sia una cosa difficile.Monologhi di una pesantezza decisamente grottesca al punto che è facile scoppiare più volte in una risata isterica,nonsense e scene alla rinfusa che sfiorano la parodia.Personaggi che sfrangiano i cogli**i in un modo che trascende il concetto di sfrangiamento di cogli**i (la tizia che ha una certa viene sedata anyone?), tranne forse il bambino che almeno ha la decenza di starsene zitto,e che sono fantocci gonfiabili riempiti da nient’altro che non l’ego del regista,vanno e vengono,senza soluzione di continuità.
La nostra cultura è inadeguata. Oggi è il mio compleanno.
Io faccio il postino, no, l’attore, ma non voglio la dissolvenza del mio io. Io mio.GNEEEEEUUUUMMMMM
Preparo i piatti, e poi posso andare.
Preparo le candele, e poi posso andare.
Apro il vino, e poi posso andare.
Attento ai raggi della bici,mi hanno rotto i calzoni.
Yin e Yang.
Peeeeeeeeecore.
In principio era il verbo.Eh? PUPPA!

Leggi tutto

5 Marzo 2011 in Sacrificio

Grande film, forse troppo religioso per miei gusti.

inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.