La bellezza nel nulla / 2 Febbraio 2017 in Il volo

Piuttosto artificioso, con una sceneggiatura (Tonino Guerra) poco brillante; inoltre l’edizione italiana è monca per una irragionevole censura, mancando del tutto la sequenza di sesso dentro un cinema vuoto. Tuttavia la levità di Angelopoulos alla regia riesce ad esaltarsi comunque, ci sono delle inquadrature da togliere il fiato come la passeggiata catatonica di Mastroianni fuori dalla casa dove si celebra il matrimonio della figlia fin oltre il ponte, in una contrada umida e silenziosa. La Grecia dai marciapiedi sgretolati, le mura diroccate e le desolanti distese periferiche non è mai stata così poetica.

Leggi tutto