Recensione su Noah

/ 20145.7287 voti

15 aprile 2014

Discreto film biblico sull’episodio dell’arca di Noè.
Dopo l’uccisione di Abele da parte di Caino, il mondo è stato invaso dal male portato dalla discendenza di Caino; la speranza rimane nei discendenti di Seth, l’altro figlio di Adamo. Noè ha una visione in cui il Creatore (nel film viene chiamato così) “pulirà” il mondo con un diluvio universale.
Fosse un film fantasy, sarebbe un buon film d’azione ed effetti speciali con alcune scene notevoli come l’arrivo degli animali all’Arca e l’inizio del Diluvio. Però essendo il riferimento la Bibbia, non si può non storcere il naso di fronte ad alcuni episodi e personaggi; Matusalemme (un buon Anthony Hopkins) sembra più uno stregone che un patriarca, qualche libertà presa dal regista su Noè e figli (se non sbaglio Cam, interpretato da Logan “Percy Jackson” Lerman nella Bibbia era il più giovane dei figli di Noè) e anche la figura dei Vigilanti che somigliano un pò troppo ai Giganti di Pietra dello Hobbit.
Ben tratteggiata la figura di Noè (un buon Russell Crowe), tormentato dalla fedeltà a Dio che rischia di spingerlo contro la propria famiglia. Ottima Jennifer Connelly (la moglie di Noè), nel cast anche Emma Watson (Ila, la figlia adottiva di Noè; figura inventata) e Ray Winstone nei panni del “cattivo” Tubal-cain discendente della stirpe di Caino ed avversario di Noè.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext