Nebraska

/ 20137.4260 voti
Nebraska

Il vecchio Woody Grant è certo di aver vinto una grossa somma alla lotteria e decide di andare a ritirare il proprio premio in un ufficio del Nebraska. Dopo essersi messo in viaggio da solo, viene intercettato dalla polizia e viene riportato a casa. Contro il parere della madre, suo figlio David decide di assecondarlo e di accompagnarlo in automobile.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Nebraska
Attori principali: Bruce DernWill ForteBob OdenkirkJune SquibbStacy KeachMissy Doty, Rance Howard, Kevin Kunkel, Angela McEwan, Devin Ratray, Mary Louise Wilson, Franklin Dennis Jones, Anthony G. Schmidt, Bob Nelson
Regia: Alexander Payne
Sceneggiatura/Autore: Bob Nelson
Colonna sonora: Mark Orton
Fotografia: Phedon Papamichael
Costumi: Wendy Chuck, Jeannine Bourdaghs
Produttore: Albert Berger, Ron Yerxa, George Parra, Doug Mankoff, Julie M. Thompson, Neil Tabatznik
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Azione
Durata: 115 minuti

Bianco e nero / 28 Marzo 2016 in Nebraska

Un film umano e piacevole. Una commedia di speranza e di unione familiare. Il bianco e nero rende il tutto visivamente rilassante, anche se forse sottolinea alcuni momenti di staticità. il 7 (e mezzo) va soprattutto alla grande morale, perché l’art pour l’art è noiosa nella maggior parte dei casi e l’arte dovrebbe sempre insegnare in qualche modo.

Vecchi ricordi, vecchi cliché / 14 Febbraio 2016 in Nebraska

Torna quella senile malinconia amata da Payne che abbiamo visto in About Schmidt (torna anche il viso rotondo e la chiacchiera svelta di June Squibb nei panni della moglie), e con questo bianco e nero molto jarmuschiano torna anche il racconto di un viaggio dove la meta non conta, non ha senso nè valore. Perfetta l’interpretazione di Bruce Dern attorno al quale gira ovviamente tutto questo film popolato di ricordi e di vecchi, in una cittadina di Hawthorne che sembra un ospizio a cielo aperto, ma popolato ahimè anche di vecchi risvolti di sceneggiatura, visti e prevedibili.

Leggi tutto

davvero bello / 5 Maggio 2015 in Nebraska

davvero bello

On the road over 60 / 29 Gennaio 2015 in Nebraska

Una brillante commedia ( sette e mezzo) dai toni grigi bianchi e neri che si rivela essere davvero simpatica, divertente e anche commovente. Un dipinto di una famiglia alle prese con l’anzianità e il tempo che non torna ma anzi va sempre più veloce. Una dolce e irriverente fotografia dell’umanità che risulta, sorprendentemente molto simile, in ogni sua forma nonostante le diversità di lingua e cultura. Ho riconosciuto molti tratti dei miei nonni e dei miei genitori, davvero magnifico. Una bellissima prova attoriale di Bruce Dern e un Will Forte fuori dal SNL che davvero recita benissimo, a suo agio, da prova di saper fare bene il suo lavoro.
Bel film davvero non me lo aspettavo.
Nota di merito a June Squibb davvero impeccabile.

Leggi tutto

27 Aprile 2014 in Nebraska

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Cittadine americane in mezzo al niente, popolate da vecchietti e obesi e sogni repressi, l’altra faccia delle downtown di quelle città piene di grattacieli dove andate tutti in vacanza U_U Tiè.
Woody e David sono padre e figlio, il primo irsuto canuto nel b/n sullo schermo, che rimarca rughe e lentezza dello sguardo. Parte per andare a Lincoln a ritirare un milione vinto a una presunta lotteria (e che è, il signor Bonaventura?), a piedi. Non ha senso per nessuno, ma il figlio capisce che oltre alle gambe c’è di più, no, che il senso c’è ma non si vede, e lo accompagna. Attraversano a ritroso la vita di Woody, incontrando il suo passato in una specie di provinciale Odissea all’indietro. Sulle loro debolezze, affrontandole, si ri-conoscono e tornano stronger (faster, scooter!). C’è una lentezza funzionale al ritmo al percorso dei due, che fissano la destinazione e si prendono per essa tanto, tutto il tempo, quello che alle persone oggi manca. E gli stupidi per questo li sfottono, va da sè. E c’è un sottintendere e non dire, e opzioni aperte lasciare allo spettatore da completare, che aumenta il senso della scoperta e partecipazione allo spettacolo dei campi e strade infinite (perdute?) e della variagata al grigio umanità che sempre si aggira nei risvolti.

Leggi tutto