1978

Animal House

/ 19787.1224 voti
Animal House
Animal House

Anni Sessanta. Due giovani matricole appena giunte al college cercano di entrare a far parte di una confraternita. L'unica che li accetterà sarà la sgangherata Delta Tau Chi, interamente composta da studenti con voti pessimi ed esclusivamente votata alla goliardia. Il rettore dell'università e una confraternita rivale, la Omega Theta Phil composta da studenti ricchi e snob, cercheranno di eliminare i Delta per ripristinare l'ordine nel college.
scimmiadigiada ha scritto questa trama

Titolo Originale: Animal House
Attori principali: John Belushi, Tim Matheson, John Vernon, Verna Bloom, Tom Hulce, Cesare Danova, Peter Riegert, Mary Louise Weller, Stephen Furst, James Widdoes, Bruce McGill, Mark Metcalf, DeWayne Jessie, Karen Allen, James Daughton, Martha Smith, Sarah Holcomb, Lisa Baur, Kevin Bacon, Donald Sutherland, Douglas Kenney, Chris Miller, Bruce Bonnheim, Joshua Daniel, Sunny Johnson, Stacy Grooman, Eliza Roberts, Aseneth Jurgenson, Katherine Denning, Raymone Robinson
Regia: John Landis
Sceneggiatura/Autore: Douglas Kenney, Chris Miller, Harold Ramis
Colonna sonora: Elmer Bernstein
Fotografia: Charles Correll
Costumi: Deborah Nadoolman
Produttore: Judith Belushi-Pisano, Matty Simmons, Ivan Reitman
Produzione: Usa
Genere: Commedia
Durata: 109 minuti

Demenzialità e basta / 9 Febbraio 2017 in Animal House

A me non ha fatto ridere neanche una scena. Film per ragazzini. La vera comicità demenziale per me è quella di scemo e più scemo, dove i protagonisti sono attivi nella recitazione e artefici della risata,e non delle semplici facce di ca***o.

La rivoluzione del toga party / 8 Aprile 2016 in Animal House

Il National Lampoon con le sue derivazioni comiche ha fatto ridere un bel paio di generazioni, e anche oggi alcuni dei suoi prodotti non sembrano aver perso lo smalto. E' certamente il caso di questa commedia cult, esordio del grande (un tempo) John Landis, con un irresistibile scimmiesco John Belushi icona della subcultura college che fa della... continua a leggere » trivialità un moto radicalmente sovversivo, del toga party un inno rivoluzionario all'affrancamento dal mito della morale. Trovo che la volgarità delle commediacce americane d'oggi non abbia più nulla di questo vecchio spirito goliardico e ribelle; va anche detto che la rivincita degli sfigati aveva il suo fascino nel tempo in cui veniva galvanizzato ovunque il prototipo dell'eroe reazionario neofascista, oggi forse gli sceneggiatori devono cercare nuovi filoni per trovare il divertimento graffiante.

Senatore John Blutarsky / 24 Gennaio 2016 in Animal House

Un grande film, anche se nella prima metà sembra offrire vignette un po’ slegate, senza un sufficiente tessuto connettivo: i passaggi da una situazione all’altra sono abbastanza bruschi. Poi il film si fa più fluido, in un crescendo che arriva al finale epico, con quella scritta sovrimpressa, «Senatore John Blutarsky e Signora» che suggella la... continua a leggere » rivincita degli underdog sull’America puritana e benpensante. Ma il film è del 1978, l’anno che avrebbe segnato l’inizio di quello che da noi si sarebbe all’epoca chiamato «riflusso»; forse Animal House rappresenta l’ultimo film a mostrare ancora lo spirito degli anni ’70 – e già in chiave nostalgica.
Scene e dialoghi indimenticabili, in buona parte divenuti proverbiali: il toga-party, Bluto alla mensa, il suo discorso per incitare i compagni. Qualche accenno a temi più seri, come le divisioni razziali. L’ironia di Landis diventa a volte quasi crudele: le ragazze sul carro allegorico degli Omega sono vestite come sarebbe stata vestita Jacqueline Kennedy un anno dopo (rispetto al 1962 in cui è ambientato il film). Grandissimo cast.

Un’unica parola…. / 1 Settembre 2015 in Animal House

"TOGA! TOGA! TOGA!"

12 Giugno 2014 in Animal House