Recensione su Mystic River

/ 20037.9658 voti

il voto sarebbe un 7.5 / 6 Aprile 2020 in Mystic River

Finalmente sono riuscito a vedere questo bel film di Clint Eastwood tratto dal romanzo di Dennis Lehane.
Boston, 1975. Tre ragazzi, Sean, Jimmy e Dave stanno giocando sulla strada e scrivendo il loro nome nel cemento; a un certo punto un uomo, apparentemente un poliziotto, si avvicina e li redarguisce portando via Dave (che è quello dei tre che abita più lontano). Dave sparisce per quattro giorni, nessuno (a parte lui) sa quello che gli è successo.
La storia riprende 25 anni dopo e vede nuovamente i tre amici riuniti purtroppo per un fatto tragico; la figlia di Jimmy (Sean Penn), Katie (Emmy Rossum), è stata uccisa. Sean (Kevin Bacon) è il poliziotto incaricato delle
indagini mentre Dave (Tim Robbins) è una delle ultime persone ad aver visto Katie viva.
Un fatto tragico cambia la vita dei tre ragazzi, così come la scritta di Dave interrotta sul cemento che simboleggia l’interruzione della sua infanzia e il cambiamento della sua vita. Come dice Sean alla fine,
non è solo Dave ad essere salito su quella macchina ma tutti e tre ci sono saliti perchè quell’episodio ha condizionato anche le loro esistenze. Jimmy, tormentato dal dolore, con un passato da malvivente cerca giustizia (vendetta) per sua figlia; Sean è quasi distaccato, lasciato dalla compagna, ha quasi paura di rinvangare il passato; infine Dave tormentato da quello che gli è accaduto nell’infanzia.
Il film è duro, tosto e interessante fino al tragico finale.
Nel resto del cast da citare Laurence Fishburne nei panni del collega di Sean, Marcia Gay Harden è la moglie di Dave mentre Laura Linney è la moglie di Jimmy.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext