My Fair Lady

/ 19647.597 voti
My Fair Lady

Il Professor Higgins (Rex Harrison), esperto di lingue, fonetica e dizione, scommette con un amico di riuscire a rendere la sgraziata e ignorante fioraia Eliza Doolittle (Audrey Hepburn) una vera dama degna dei più selettivi ambienti dell'alta società inglese. Rimarrà vittima del fascino della sua deliziosa creatura. Trasposizione cinematografica dell'omonimo musical firmato Alan Jay Lerner, a sua volta ispirato al romanzo Pigmalione di George Bernard Shaw, il film ha vinto otto premi Oscar, tra cui quello per il miglior film, per la miglior regia e per il miglior attore protagonista (Harrison).
Anonimo ha scritto questa trama

Titolo Originale: My Fair Lady
Attori principali: Audrey HepburnAudrey HepburnRex HarrisonRex HarrisonStanley HollowayStanley HollowayWilfrid Hyde-WhiteWilfrid Hyde-WhiteGladys CooperGladys CooperJeremy Brett, Theodore Bikel, Mona Washbourne, Isobel Elsom, John Holland, Colin Kenny, Bert Stevens, Frank Baker, Marjorie Bennett, Betty Blythe, Arthur Tovey, Marni Nixon, Al Bain, William Beckley, Lillian Kemble-Cooper, Henry Daniell, Brendan Dillon, Mostra tutti

Regia: George CukorGeorge Cukor
Sceneggiatura/Autore: Alan Jay Lerner
Colonna sonora: Frederick Loewe
Fotografia: Harry Stradling Sr.
Costumi: Cecil Beaton
Produttore: Jack L. Warner, James C. Katz
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Musical
Durata: 170 minuti

Dove vedere in streaming My Fair Lady

Votazione imparziale / 1 Novembre 2016 in My Fair Lady

Il film è visivamente bellissimo, eleganza ricercatissima.
Le canzoni cantate in italiano e il doppiaggio di Audrey Hepburn sono piuttosto fastidiosi e fanno passare la voglia di guardare il film.
Musiche ok.
L’ho visto a pezzi, è comunque un classico che prima o poi deve essere visto se si è amanti del cinema.

Musical, si… ma ben strutturato. / 15 Maggio 2016 in My Fair Lady

Il film si presenta bene: una trama azzeccata e molte risate! le continue ripicche tra il professor Higgins e Miss Dolittle hanno ottimi tempi. Il doppiaggi italiano è eccezionale, specie le canzoni ottimamente adattate come in pochi film. Mi chiesdo che effetto avrebbe fatto vederlo interpretato da julie andrews (per capire perché dico così, leggete la pagina wiki del film 😉 ), ma nonostante tutto, il film ha dei tempi ottimi nei battibecchi. ma il suo difetto, se proprio ne devo trovare uno, è la lentezza di certe scene XP alcune assai noiose o troppo tirate per le lunghe (specie quelle d’amore). Ma vabbè, non disperiamo 😉

Leggi tutto

Malgrado adori Audrey Hepburn… / 16 Marzo 2013 in My Fair Lady

E adori anche i musical, questo film è sempre e comunque lento e noiosetto.

Amore e tanta musica / 13 Gennaio 2013 in My Fair Lady

http://film-visti.blogspot.it/2009/02/my-fair-lady-george-cukor.html

7 Febbraio 2012 in My Fair Lady

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Nell’Inghilterra del primi del ‘900, il famoso glottologo Henry Higgins scommette con l’amico Pickering che riuscirà a trasformare una comune popolana in una dama di alta classe, tale da non sfigurare in mezzo alle persone dell’alta società. La prescelta è la fioraia Eliza Dolittle, che viene sottoposta a un tour de force incredibile comprendente modo di parlare, vestirsi, mangiare,leggere, scrivere, comportarsi… insomma veramente estenuante per chiunque. E difatti per alcuni mesi sia Eliza che il professore sono perennemente in sull’orlo della crisi più profonda a ogni minimo fallimento, ma alla fine il miracolo si compie: dopo sei mesi Eliza è una giovane donna sofisticata che non ha più nulla in comune con l’umile fioraia di prima, tant’è vero che riscuote pure successo nell’alta società! Cosa potrebbe volere di più? Per esempio il fatto di non dover più andarsene alla fine dell’esperimento, e rimanere col suo professore…

Tratto dall’opera PIGMALIONE (1912) di George Bernard Shaw, da cui già nel 1956 era stato tratto un applauditissimo musical,il film è ormai uno dei classici di questo genere, talmente famoso che nel 1998 venero addirittura messe in vendita due Barbie con le fattezze della protagonista, in una speciale collezione di Barbie dedicate a personaggi famosi del cinema.
Che dire di questo film? Una sola cosa: da vedere, consigliato anche a chi non è un gran fan di musical, prima di tutto per il significato della storia, che rimanda al mito greco di Pigmalione ma in salsa meno tragica e con lieto fine per nulla scontato però: infatti il percorso intrapreso da Eliza e dal professor Higgins,partito come una semplice scommessa, apporterà profondi cambiamenti non solo alla pupilla(come in origine doveva essere) ma anche al severo professore, che nella sua vita non ha mai lasciato che un sentimento di qualsiasi tipo sconvolgesse la sua vita tranquilla e ordinata, e quando lancia la scommessa si illude che tutto rimarrà come prima: illuso! Innanzitutto Eliza è una popolana sì, ma con un cuore e un’anima molto più grandi di quelli che il professore pensa,e soprattutto con un caratterino davvero forte:accetta di buon grado l’offerta del professore per sfuggire a una vita di miseria non solo materiale, ma i loro battibecchi durante le lezioni, dovuti alla scarsa pazienza di Eliza soprattutto con la lingua corretta (chi non ricorda il famoso LA RANA IN SPAGNA GRACIDA IN CAMPAGNA?) sono il sale di questo film;naturalmente Audrey Hepburn dà un’altra delle sue magistrali prove cinematografiche, quasi sdoppiandosi nella Eliza caciarona e popolana prima, per poi tornare alla sua famosa eleganza e stile quando interpreta Eliza convertita in perfetta lady.Viceversa Rex Harrison è stata la scelta più giusta per il severo e represso Higgins, anche se a me personalmente ha lasciato indifferente.
Oltre ai due attori occorre naturalmente menzionare le musiche e canzoni indimenticabili, elementi essenziali per un musical. Nel 1965 il film vinse ben otto premi Oscar:miglior film,regista,attore protagonista, fotografia, scenografia, costumi, colonna sonora e sonoro, oltre a tre Golden globe (musical,attore e regista) e un David di Donatello per il miglior film straniero.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.