Recensione su Mary Poppins

/ 19647.8737 voti

Messe sataniche e gospel / 8 maggio 2011 in Mary Poppins

E’ la storia di una fattona uscita da un centro di cure e riabilitazione che si ricicla come tutrice di marmocchi riccastri. Comincia qui la storia di Mary Poppins. Dopo aver finito, con scarsi risultati, la cura disintossicante presso un centro di riabilitazione nella periferia di Londra, si reca presso la casa del banchiere Roberto Calvi. Dopo la morte di Calvi dovuta in parte a Mary, la Poppins torna nella sua patria londinese per prestare servizio da un altro banchiere, tale Banks (e guarda che giochi di parole gli inglesi, sono troppo avanti) e per aiutare i due figli diversamente fortunati. L’intera storia è vista attraverso gli occhi disadattati di Mary e ritardati dei bambini, per cui assistiamo a balletti e musical dentro ai quadri mentre i protagonisti recitano strane formule sataniche, borse false di Gucci che contengono lampadari e altri oggetti non identificabili e a spazzacamini risucchiati nelle canne fumarie (trauma per generazioni di bambini a stretto contatto con case accessoriate da camini).
Tutto si svolge per il meglio fino a quando passa la tramontana e tira su lo scirocco.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext