Recensione su Storia di un matrimonio

/ 20197.4132 voti

STORIA DI TUTTI / 15 Gennaio 2020 in Storia di un matrimonio

Uno ci prova pure a boicottare Netflix ma questi improvvisamente hanno capito che la quantità non fa la qualità e da un po’ di tempo a questa parte (un paio d’anni direi) sfornano dei veri e propri gioielli.

Storia di un matrimonio è un affresco famigliare facilmente familiare. Umano come si conviene a storie del genere, non ci sono buoni ne cattivi…solo persone. Persone che nel tentativo di metterci una toppa non fanno altro che allargare quel buco nero che molti chiamano vita.

Noah Baumbach è uno specialista di matrimoni in crisi. Ha già toccato l’argomento più volte, probabilmente pescando dalle proprie esperienze personali, ma non l’aveva mai fatto con questa grazia e piacere per la narrazione. Chiaramente questo si riflette sulla fruibilità del film che si fa seguire senza alcun momento di stanca. Sembra durare la metà de “Il calamaro e la balena” e invece dura il doppio.

La sceneggiatura è puntuale e precisa nel mettere in evidenza l’infinito gioco di equilibri paradossali che alla fine fagocitano i rapporti di coppia. C’è qualcosa di Alleniano ma forse è più un alone che un influenza.

Scarlett Johansson e Adam Driver sono meravigliosi e potrebbero seriamente portare a casa un oscar a testa come migliori attori protagonisti nelle rispettive categorie. In passato l’academy ha già premiato coppie “in crisi”…penso a Hoffman/Steep o Nicholson/Hunt. Certo, in questo caso se Driver dovesse realmente farcela avrebbe sulla coscienza il suicidio di Joaquin Phoenix e noi questo non lo vogliamo.

“Storia di un matrimonio” è veramente un gran film che parla DI e AGLI esseri umani.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext