Recensione su Storia di un matrimonio

/ 20197.3262 voti

Impegnativo / 8 Marzo 2020 in Storia di un matrimonio

C’è da dire che riconosco a Baumbach una certa bravura come scrittore, le sue sceneggiature sono impeccabili, su questo c’è ben poco da discutere.
Stesso discorso per la recitazione, un Adam Driver e una Scarlett Johansson credibilissimi, viscerali oserei dire, ruolo della vita per entrambi.
Ho visto recitare bene Adam Sandler solo tre volte in vita mia, in Punch-Drunk Love, nel più recente Uncut Gems e in The Meyerowitz Stories (la scena della distruzione della macchina del vecchio è qualcosa di spassoso, non ridevo cosi tanto da una vita).
Tutto questo per dire che Baumbach ha tutte le skill per fare il botto: sceneggiature solide, regia di mestiere e incredibile direzione degli attori.

Tutta via ho fatto una fatica immane nel rimanere sveglio durante la prima metà del film, ho trovato il montaggio troppo lento, volevo spararmi in un ginocchio per uscire da quell’anestesia cerebrale e provare qualcosa, cioè i primi 40 minuti il film è proprio soporifero.

Il dramma familiare rappresentato l’ho trovato profondamente veritiero e credibile, nessun buco di trama mancante riempito alla meno peggio, non una parola fuori posto ma se devo aspettare i litigi coniugali e gli scontri in aula tra avvocati per impedire alle mie palpebre di essere attratte fortemente dalla gravità, non ci siamo proprio.
Tuttavia la mia onestà intellettuale mi impedisce di dare un voto inferiore al 7.
Magari tra dieci anni lo rivedrò, mi ci rivedrò e cambierò idea…Per ora sto bene da single.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext