Recensione su Storia di un matrimonio

/ 20197.3259 voti

C’eravamo tanto amati. E ci amiamo ancora. Ma… / 9 Dicembre 2019 in Storia di un matrimonio

Altro che Storia di un matrimonio. Io l’avrei intitolato: C’eravamo tanto amati e ci amiamo ancora, ma è meglio per entrambi se divorziamo, perché io non sto bene e dovresti ammettere che anche tu non sei del tutto soddisfatto della nostra relazione.

Con questo film Netflix, Noah Baumbach, in concorso a Venezia 2019, ha lavorato di nuovo sul concetto di famiglia in fase di deflagrazione, mettendo a nudo alcuni degli aspetti più gretti e dolorosi di una separazione coniugale.
Non a caso, una delle scene migliori del film, costruita e retta egregiamente dalla coppia Scarlett Johansson – Adam Driver, è quella delle recriminazioni esagerate, rabbiose, violente e, soprattutto, immotivate e insincere (“Vorrei vederti ammalata e investita da una macchina”: e basta? Sicuro che sia sufficiente così? Nessuna piaga d’Egitto?).
Della “vita precedente” della coppia viene mostrato ben poco. Ma Baumbach la racconta ugualmente, partendo dalla fine, mostrandola attraverso i maremoti del suo naufragio. Escludendo i delicatissimi minuti iniziali, in cui lui e lei elencano i motivi per cui una piace all’altro, non ha avuto bisogno di mettere in scena il prima, per raccontare l’ora e presupporre il poi. In questo senso, il film è un flusso naturale di sviluppi e inevitabilità.
Come la vita, ovviamente.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext