Recensione su Marrakech Express

/ 19897.2146 voti

24 Ottobre 2011

Probabilmente non il miglior film di Salvatores,ma di sicuro quello che ricordo e rivedo con più piacere. Scanzonata avventura di un gruppo di ragazzotti ormai cresciuti che comincia come un road movie lungo Spagna e Francia, e che poi si conclude nel deserto del Marocco. Forma insieme a “Mediterraneo” e “Turnè” la cosiddetta trilogia della fuga, in cui il tema centrale è l’importanza dell’amicizia.L’esperimento nostalgia sarà ripetuto più volte da Salvatores,sicuramente con risultati migliori,ma la freschezza della pellicola(che sembra veramente girata tra amici) e la spontaneità degli attori rendono questa semplice opera indimenticabile.è proprio la sua semplicità a lasciare qualcosa nello spettatore al termine della visione,almeno un sorriso.Colonna sonora ruffiana ma efficace,che vanta tra i nomi De Gregori e Dalla.Classico esempio di film in cui è maggiore il valore affettivo che quello del film stesso.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext