?>Recensione | Maps to the Stars | Senza titolo

Recensione su Maps to the Stars

/ 20146.8186 voti

8 giugno 2014

“Lasciate ogni speranza voi che entrate”

All’origine c’è stato evidentemente un peccato .
che fare?
ecco l’idea geniale:far finta di niente.
fingere che tutto sia perfettamente “normale”.
ma cosa c’è di “normale” in questo mondo ?

Ci hanno rubato l’infanzia
ci hanno rubato l’anima
ci hanno fottuto alla grande
ho tredici anni ma me ne sento quaranta.
perché ?

La vita può essere un inferno,e Cronenberg lo sa,lo sa da mooolto tempo,infatti è dagli inizi della sua carriera che ne parla ,lo ha fatto in tutti i modi e anche in questo caso centra il bersaglio,e così ci troviamo di fronte a una commedia drammatica di rara efficacia,qualcuno ha azzardato addirittura la parola “film comico”,difficile riderci su,certo è che la pellicola ha diversi piani di lettura,uno script stratificato all’acido muriatico che demolisce tutte le convenzioni,famiglia ,matrimonio e star system vengono frullati a dovere,il risultato è un potente cocktail allucinogeno dove le dinamiche tra i personaggi risultano letali,si assiste a un gioco al massacro splendidamente orchestrato da un regista che non smette di stupire,il cast poi è perfetto, tra cui svetta una Julianne Moore sempre capace di cesellare personaggi memorabili.

“e quindi uscimmo a riveder le stelle”

Lascia un commento

jfb_p_buttontext