Recensione su Man on fire - Il fuoco della vendetta

/ 20047.2163 voti

3 novembre 2011

Ho qualche dubbio sul fatto che sia tratto da una storia vera; il film si può dividere tranquillamente in due parti.
Nella prima parte si fa la conoscenza del personaggio interpretato da Denzel washington, tormentato nell’animo dal suo passato (o da qualcosa successo nel passato) e che riesce ad aprirsi un pò solo con Christopher Walken. Il lavoro ma soprattutto la bambina Peta interpretata da Dakota Fanning (bravissima e certo non così antipatica come qualche giornale l’ha vista) gli ridanno pian piano una ragione di vita.
Nella seconda parte, dopo il rapimento di Peta, si scatena la furia sanguinaria di Denzel, quasi a un livello tarantiniano.
Il film non è malvagio, anche se il montaggio mi ha dato un pò fastidio; forse un pò brusco il passaggio dall’apparente normalità della prima parte al grand guignol della seconda.
Anche la mancanza di sentimenti (almeno in apparenza) della bambina quando i suoi genitori partono per un viaggio a Detroit…
Brava anche Radha Mitchell (la madre di Peta) già vista in Pitch Black.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext