2018

Macchine mortali

/ 20185.653 voti
Macchine mortali
Macchine mortali

La razza umana ha cambiato radicalmente stile di vita dopo che il mondo civilizzato è stato spazzato via da un cataclisma. Non sono più le persone a spostarsi, ma le città, che, ora, vengono definite trazioniste, perché sono in grado di viaggiare da un capo all'altro della Terra. Nei loro spostamenti, le grandi città distruggono senza pietà quelle più piccole.Tom, che vive nella grande città trazionista di Londra, deve fare il possibile per sopravvivere. Imbattutosi in una fuggitiva, Heather, lega il suo destino a quello della ragazza, creando un'alleanza che potrebbe cambiare il futuro.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Mortal Engines
Attori principali: Hera HilmarRobert SheehanHugo WeavingJihaeRonan RafteryLeila George, Patrick Malahide, Stephen Lang, Colin Salmon, Mark Mitchinson, Regé-Jean Page, Menik Gooneratne, Frankie Adams, Leifur Sigurdarson, Kahn West, Andrew Lees, Sophie Cox, Kee Chan, Sarah Peirse, Mark Hadlow, Caren Pistorius, Poppy Macleod, Joel Tobeck, Terry Norris, Calum Gittins, Megan Edwards, Peter Rowley, Aaron Jackson, Stephen Ure, Nathaniel Lees, Paul Yates, Nick Blake, Beatrice Joblin, Thomas Lahood, Simbarashe Matshe, Lee Tuson, Jason Whyte, Michael Homick, Royden Davys, Richard Mills, Shane Rangi, Yoson An, Nicholas Quirke, Lynda Lester, Rick Baker
Regia: Christian Rivers
Sceneggiatura/Autore: Peter Jackson, Philippa Boyens, Fran Walsh
Colonna sonora: Junkie XL
Fotografia: Simon Raby
Costumi: Kate Hawley, Bob Buck
Produttore: Peter Jackson, Fran Walsh, Zane Weiner, Amanda Walker, Deborah Forte, Ken Kamins
Produzione: Nuova Zelanda, Afghanistan, Usa
Genere: Azione, Fantascienza, Fantasy
Durata: 129 minuti

Spaccamaroni! / 3 Aprile 2019 in Macchine mortali

Film post apocalittico che richiama il Fury Road di Mad Max e tutti i film futuristici catastrofici spaccamaroni….
Qualche nota positiva ce l’ha pure, tipo Hugo Weaving che recita col suo vero volto (ahahahha!) o rivedere Robert Sheehan dopo il mio amato Mistfits (l’ho visto anche in qualche altro film ma nessun ruolo degno di nota!).
E poi, diciamocelo… non finiva più!!!!!
5 perchè so buono.

Leggi tutto

Il futuro corre su ruote / 23 Marzo 2019 in Macchine mortali

Dopo un attacco devastante che ha ridisegnato il globo, non sono più le persone a muoversi bensì le città, definite trazioniste e armate di arpioni. “Macchine mortali” presenta un futuro distopico post apocalittico così singolare, originale e molto interessante. Nella pellicola non vi è un attimo di respiro: si inizia con la grande metropoli di Londra alle prese con la cattura di una più piccola città per depredarne le risorse, passando poi all’esilio dei due protagonisti che si danno alla fuga continua tra mille pericoli e panorami spettacolari, e concludendo con la tanto agognata battaglia finale nel centro di Londra. Il film è pressoché spettacolare, con una quantità infinita di effetti speciali molto credibili, una ricostruzione del panorama ad hoc e scenografie incredibili. Puro intrattenimento.

Leggi tutto

Due palle… / 2 Gennaio 2019 in Macchine mortali

Ennesima catastrofe che annienta tutto modificando le strutture delle città.
Ma che rottura!!!
Perché l’ho visto?
Non ho idea. Nessuna novità.
Un film a mio avviso noioso e decisamente ovvio.
Non ne vale proprio la pena.
C’è di meglio da fare… Fatelo…
Ad maiora!

Scenario post apocalittico / 17 Dicembre 2018 in Macchine mortali

Buon film post apocalittico tratto dal romanzo omonimo di Philip Reeve (ciclo di quattro romanzi in realtà).
Dopo una guerra che ha distrutto il mondo come lo conoscevamo, le città non esistono più o meglio viaggiano su ruote per evitare le catastrofi naturali che li circondano. Troviamo una di queste grandi città (Londra) nell’atto di catturare una piccola città tedesca. Dopo la cattura una ragazza, Hester (Hera Hilmar) cerca di uccidere Thaddeus Valentine (Hugo Weaving), un archeologo potente di Londra. Dopo l’attentato si lancia all’inseguimento della giovane il giovane Tom (Robert Sheehan) ed entrambi “cadranno” dalla città e finiranno nel pericoloso mondo esterno.
Film interessante e avvincente con i personaggi che vengono approfonditi man mano; si scopre quindi qualcosa in più su Hester (il personaggio migliore del film) e sul suo passato difficile. Qualche momento simpatico come le due statue dei Minions ma anche altri residui del vecchio mondo, infatti i protagonisti sono alla continua ricerca di reperti storici (per noi attualità, per loro pezzi archeologici) per costruire dispositivi o armi efficaci.
Forse si poteva approfondire il discorso tra città trazioniste e città stazioniste (o anti-trazionisti).
Il film si divide praticamente in due scenari: da una parte Hester e Tom che lottano per la sopravvivenza e per ritornare a bordo di Londra, dall’altra parte Thaddeus che prosegue nei suoi propositi e sua figlia Katherine (Leila George) che spalleggiata da un amico cerca di scoprire qualcosa in più sugli scopi del padre.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.