Recensione su L'uomo che non c'era

/ 20017.9200 voti

13 Dicembre 2013

Un capolavoro assoluto di scrittura cinematografica e regia sulla paura di vivere nell’anonimato. Bellissimo il discorso dell’avvocato sul principio di indeterminatezza di Heisenberg. Billy Bob Thornton straordinario.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext