2008

L'onda

/ 20087.5445 voti
L'onda
L'onda

Basato su un esperimento sociale del '67 a opera del Prof. Ron Jones. Quando un insegnante dai metodi non ortodossi propone ai suoi studenti un compito in classe in cui simulare una dittatura in un regime democratico, l'esperimento va terribilmente male e gli eventi prendono una piega inaspettata
thomasanderson ha scritto questa trama

Titolo Originale: Die Welle
Attori principali: Jürgen VogelFrederick LauMax RiemeltJennifer UlrichChristiane PaulElyas M’Barek, Cristina do Rego, Jacob Matschenz, Maximilian Vollmar, Tim Oliver Schultz, Amelie Kiefer, Max Mauff, Fabian Preger, Ferdinand Schmidt-Modrow, Odine Johne, Tino Mewes, Karoline Teska, Marco Bretscher-Coschignano, Lennard Bertzbach, Tommy Schwimmer, Joseph M'Barek, Jaime Krsto Ferkic, Lucas Hardt, Maren Kroymann, Teresa Harder, Thomas Sarbacher, Alexander Held, Johanna Gastdorf, Friederike Wagner, Hubert Mulzer, Dennis Gansel, Natascha Paulick
Regia: Dennis Gansel
Sceneggiatura/Autore: Peter Thorwarth, Dennis Gansel
Colonna sonora: Heiko Maile
Fotografia: Torsten Breuer
Costumi: Ivana Milos
Produttore: Christian Becker, Nina Maag
Produzione: Germania
Genere: Drammatico
Durata: 107 minuti

Sconvolgente…. 7,5 / 3 Marzo 2016 in L'onda

Questo è uno di quei film che non puoi raccontare, devi vederlo e basta.
Ela cosa bella è che tutto parte come un insegnamento: “Può una Germania ricadere nella dittatura dopo gli errori del passato?” C’è chi dice no…e chi dice si, ma il professore vuole portare i ragazzi a capirne il concetto, provando questo esperimento.
Ma fallisce, anzi no… vince. Perchè alla fine quello che ti resta in testa è che non impariamo mai a fondo la lezione, e che gli errori si possono rifare. Si rifanno.
Finale imprevedibile ma inevitabile. Un film che spaventa, ci mette di fronte alla terribile verità che non saremo mai al sicuro da noi stessi e che l’idea “l’unione fa la forza” non ha sempre dei risvolti positivi.
Da vedere e rivedere.
7,5.

Leggi tutto

Straordinario nei minimi dettagli. / 3 Marzo 2016 in L'onda

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Grande film,con un finale per niente prevedibile e scontato…Fa riflettere molto.

E’ ancora possibile… / 29 Maggio 2014 in L'onda

Un’ altra dittatura è ancora possibile. Film che mette i brividi. Dovrebbe essere proiettato in tutte le scuole.

20 Ottobre 2013 in L'onda

E’ un film molto valido, che però, purtroppo, non ha avuto la giusta risonanza. E’ assolutamente educativo e dovrebbe proporsi la sua visione in tutti i licei.
Nelle scuole ci hanno insegnato gli estremismi politici, abbiamo dovuto studiare le autocrazie, le dittature ed il totalitarismo come qualcosa di lontano dal nostro vivere, dalla nostra realtà. Come se appartenessero a quei fogli di un libro di storia, frutto di un’evanescente memoria.
Eppure siamo figli di quegli orrori e, consapevoli di questo,ci siamo voluti tutelare con le Carte costituzionali, riconoscendo il fatto che fondamentalmente l’uomo è sempre uguale a sé stesso ed esistono, citando Giambattista Vico, “corsi e ricorsi storici”.
Questo film ricorda, a titolo esemplificativo quanto volutamente “iperbolico” e provocatorio, quanto quella realtà sia invece non solo vicina ma possibile, riproponibile. Basta davvero poco.
Ha una buona regia, un buon ritmo che rendono ancora più convincente la trama, benché esasperata. Bella la scena finale.
E’ un film che ti lascia qualcosa, che fa riflettere su quali meccanismi possano muovere le persone, ma soprattutto ci fa pensare a quante “manipolazioni”(anche insignificanti) subiamo nella nostra vita. Più di quante ne immaginiamo.

Leggi tutto

Nicht hinauslehnen. / 27 Aprile 2013 in L'onda

Quando sono venuti a prendere gli ebrei
Sono rimasto in silenzio perché non ero ebreo
Quando sono venuti a prendere gli omosessuali
Sono rimasto in silenzio perché non ero omosessuale
Quando sono venuti a prendere i comunisti
Sono rimasto in silenzio perché non ero comunista
Quando sono venuti a prendere gli zingari
Sono rimasto in silenzio perché non ero zingaro
Quando sono venuti a prendere me, non c’era più
nessuno che potesse parlare per difendermi.
(Martin Niemöller)

Sarebbe possibile oggi? Si.
Hai detto niente.
Film fatto molto bene e dal quale si possa anche imparare qualcosa.
Tragico e realistico, cosa rara e mai abbastanza apprezzata.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.