Recensione su L'ombra del diavolo

/ 19976.371 voti

Lascia poco… / 23 giugno 2017 in L'ombra del diavolo

Nel 1972 un ragazzo nordirlandese vede uccidere il padre davanti ai suoi occhi da dei repubblicani irlandesi. 20 anni dopo (quando è interpretato da Brad Pitt), è diventato uno dei membri più ricercati e pericolosi dell’IRA, ma, dopo un attacco molto violento e sanguinario fatto a Belfast, deve nascondersi e decide di recarsi negli USA per ottenere delle armi in grado di poter danneggiare gli elicotteri britannici. Arriva sotto falso nome a New York e un simpatizzante dell’IRA lo consegna ad un suo conoscente irlandese, un onesto ed intelligente sergente della Polizia di NY (Harrison Ford). All’inizio tutto bene, con Pitt che cerca con un amico di rimettere in sesto la barca per portare le armi in patria, e, al tempo stesso, stringe una sincera amicizia con il poliziotto. Quando poi però le cose, inevitabilmente, si svelano, la situazione precipita…così come il film, che diventa la sagra della prevedibilità e del già visto. C’erano i presupposti per fare di meglio, ma semplicemente non ci sono riusciti, ed anche i due grandi nomi qui presenti hanno sicuramente fatto meglio in altre pellicole. Peccato..

Lascia un commento

jfb_p_buttontext