?>Recensione | Le streghe son tornate | Un gioiello di film

Recensione su Le streghe son tornate

/ 20137.179 voti

Un gioiello di film / 14 ottobre 2014 in Le streghe son tornate

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Questo film è uno spasso continuo. La sola scena iniziale della rapina è una delle cose più divertenti e adrenaliniche che abbia visto da diverso tempo. Poi voglio dire, un film che praticamente inizia con un uomo vestito da Spongebob crivellato da colpi d’arma da fuoco non può che essere un filmone.
Álex de la Iglesia non mi aveva particolarmente colpito con “Balada triste de trompeta”, anch’esso surreale ed esagerato, ma dotato di alcune velleità da film “sociale” leggermente fuori luogo. Con questo “Las brujas de Zugarramurdi” invece mi ha conquistato. È una pellicola che cita (forse più o meno volontariamente) il cinema horror, ma che in un certo senso è vicina anche a tutte quelle commedie che mettono in scena l’eterna lotta tra uomini e donne, unisce quindi mistero e comicità, mostruosità ed elementi surreali.
Una cosa che ho apprezzato particolarmente è la cura di alcuni piccoli dettagli sparsi qua e là, ad esempio quando si vede un uomo mascherato da Patrick soccorrere lo Spongebob ferito/morto, o il fatto che in mezzo al gruppo di streghe nel finale si intravedano alcune suore. Tutte piccolezze che a parer mio aggiungono un po’ di valore al tutto.
Ovviamente non è mai arrivato in Italia, cosa strana perché con la giusta visibilità avrebbe potuto fare buoni incassi, ad ogni modo merita assolutamente di essere recuperato.
Domandona: Solo a me il protagonista ha ricordato il tizio de “I Cesaroni”. Spero di sì.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext