?>Recensione | Ladyhawke | Senza titolo

Recensione su Ladyhawke

/ 19857.3331 voti

13 aprile 2015

Nel trentennale della sua uscita mi sono rivista questa favola deliziosa alla quale sono molto affezionata…

Richard Donner dirige un’opera leggera e garbata anche se datata nell’ironia, capace di volar via in un attimo e di far emozionare lo spettatore, che raggiunge l’apice della poesia nella scena più toccante del film, quella in cui Navarres non riesce a sfiorare la mano tesa di Isabeau, che sta tornando falco al sorgere del sole.
Tra dramma, commedia, avventura e fantasy, un film che si rivede volentieri, ricrea atmosfere del passato e le mescola con il presente, reintroduce gli ideali cavallereschi e vede l’amore con occhi più delicati ma, cosa apprezzabilissima, non sdolcinati.
Gradevole la colonna sonora, dai momenti più ritmati e spiritosi a quelli più solenni.
Interpretazioni meritevoli di tutto il cast…eterea, fragile, misteriosa e bellissima la Pfeiffer, tutto d’un pezzo l’affascinante Hauer, perfetto nel suo ruolo Woods, quasi sempre confinato nella parte del cattivo, più o meno velatamente, imperdibile il giovanissimo Broderick.
Non un film perfetto, nè un capolavoro, ma nella sua semplicità qualcosa di delizioso, tenero, che sa lasciare un sorriso nel cuore.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext