La terra dei morti viventi

/ 20056.2109 voti
La terra dei morti viventi

I morti viventi stanno evolvendo, imparando l'uso di utensili ed armi, e sono pronti ad invadere la città fortezza dove gli esseri umani si sono rifugiati, seppur divisi tra il lussuoso grattacielo dei ricchi e le sporche strade dei poveri.
marcomaffei12 ha scritto questa trama

Titolo Originale: Land of the Dead
Attori principali: Simon BakerJohn LeguizamoDennis HopperAsia ArgentoRobert JoyEugene Clark, Joanne Boland, Tony Nappo, Jennifer Baxter, Boyd Banks, Tony Munch, Shawn Roberts, Sasha Roiz, Krista Bridges, Alan van Sprang, Phil Fondacaro, Bruce McFee, Earl Pastko, Jonathan Whittaker, Peter Outerbridge, Lara Amersey, Matt Birman, Devon Bostick, Christopher Russell, Richard Clarkin, David Sparrow, Ted Ludzik, Bryan Renfro, Robin Ward, Sandy Kellerman, Erica Olsen, Simon Pegg, Edgar Wright, Gregory Nicotero, Tom Savini, Pedro Miguel Arce, Maxwell McCabe-Lokos, Gary Ugarek
Regia: George A. Romero
Sceneggiatura/Autore: George A. Romero
Colonna sonora: Johnny Klimek, Reinhold Heil
Fotografia: Miroslaw Baszak
Costumi: Alex Kavanagh
Produttore: Dennis E. Jones, Lynwood Spinks, Mark Canton, Ryan Kavanaugh, Bernie Goldmann, Peter Grunwald, Steve Barnett
Produzione: Canada, Francia, Usa
Genere: Horror
Durata: 93 minuti

17 Gennaio 2013 in La terra dei morti viventi

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

UUUHHHHH… ma che piccola meraviglia ancora tira fuori dal cappello Romero, George, ‘bastanza vecchio, praticamente l’inventore del genere zombie al cinema. E questo in effetti è un incrocio tra i suoi zombie, tra il miglior Carpenter, che è quello con Kurt Russell (voglio dire, mica Tarantino aveva scritturato Kurt Russell a caso) e i post-atomici anni ’80.
Signora cara, i film così credevo non si facessero più! *_*
Ci sono persino Dennis Hopper, a impersonare il male (no, il denaro è il male, non gli zombie, asini:P) e, udite udite, Asia Argento. Che, porco zeta, piace a tutti i più dritti del cinema everywhere (non so, Romero, Abel Ferrara), per cui qualche qualità ce l’avrà (la frase del missile in testa al post ovviamente è sua, da un donnino così che ti puoi aspettare?).
Gli umani sopravvissuti agli zombie vivono fortificati nell’ultima città rimasta in piedi, divisi in una classe di padroni adagiati nel loro lusso e una di poveracci che muoiono di fame. Gli zombie non sono che un fattore esterno, come potrebbe essere una tempesta. E, guidati da un compagno zombie, non a caso nero e con la tuta blu da operaio, stanno imparando a usare armi e barche ecc.
Romero firma, come al solito, un film dove la lotta di classe si intravede tra le interiora degli umanoidi squartati e inghiottiti, con una trama che fila diritta e senza un ca**o di ghiri-gori (come si scrive?), personaggi ADO-RA-BI-LI tanto sono idioti o caratterizzati (cioè, ma il samoano ciccione dove lo vogliamo mettere? O l’idiota mono-occhio? O il protagonista sfigato? O Asia, o il portoricano spaccone che alla fine sceglie di essere zombie?), nessuno dei quali riserva mai alcuna sorpresa. Come dire, tutto è già scritto, però è scritto molto bene.
Non so se mi spiego mumble… se uno deve morire… PAM, muore, subito, e si passa al successivo. Che mica abbiamo tempo da perdere. Abbiamo un sistema capitalistico da abbattere, noi.
La realtà è che di frasi da citare ce ne sarebbero a manetta.
Boh, alla fine il samoano, con il dialogo mentre cercano di far partire una macchina collegando i cavi, vince:
Pillsbury: Yellow to red!
Motown: What the fuck does a Samoan know about hot-wiring a fucking car?
Pillsbury: 50,000 cars stolen in Samoa every year.
Motown: Well, a million in Detroit.
Pillsbury: Detroit has 50 million cars. Samoa, 50,000. Every one stolen.

Leggi tutto

28 Aprile 2011 in La terra dei morti viventi

Purtroppo mi sono perso i primi cinque minuti. Altro godibile film sui morti viventi di Romero con una sorta di critica alla società con la divisione tra ricchi e poveri. Qui troviamo il compianto Dennis Hopper, ricco industriale, che vive nel suo fantastico grattacielo all’interno della città dove i poveri sono costretti a vivere x la strada. Un gruppo di mercenari capitanati da The Mentalist (ovvero Simon Baker) spalleggiato dal medico legale di Csi New York (Robert Joy) girano tra gli zombie x procacciarsi i rifornimenti x i ricchi. Tra i mercenari, più interessato ai profitti e a “guadagnarsi” un posto sicuro nella città, troviamo anche John Leguizamo. Tra la gente salvata dai mercenari troviamo Asia Argento in uno dei suoi migliori ruoli a livello internazionale. Molte scene splatter e qualche particolare macabro ma anche un buon livello di azione ed emozioni. Bello il personaggio del Samoano (con alcune battute brevi ma efficaci). Un paio di riferimenti a Stephen King e una comparsata di Simon Pegg (l’attore di “L’alba dei morti dementi”).

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.