Recensione su Ho ucciso mia moglie

/ 19517.48 voti

Uxoricida o vedovo? / 26 Febbraio 2014 in Ho ucciso mia moglie

Commedia nera strepitosa.
Guitry sfrutta la cornice paesanotta per trattare una miriade di temi con una grande arguzia ed un gusto (in questo caso) invidiabilmente d’Oltralpe: la passività esistenziale, la razionalità vincente sull’istinto (e, contemporaneamente, l’istinto paradossalmente calmierato da una folle razionalità), la sobria varietà dei punti di vista vengono messi in scena in un contesto popolare solo per risultare più intriganti ed abbordabili, ma gli argomenti, ne converrete, sono quantomai complessi.

Affidandosi ad uno splendido Michel Simon (che, come avrà a sottolineare lo stesso Guitry nella gustosa introduzione al film, è portatore di un’Arte drammaturgica acquisibile solo per via indiretta: egli non è un Maestro, ma un Esempio), la farsa assume toni grotteschi via via sempre più apertamente comici, fino all’apoteosi finale, in cui le sequenze del tribunale reale e di quello allestito dai bambini si sovrappongono in una felice ed efficace simbiosi che, nella sua illogicità, è -in conclusione- assolutamente pertinente.

Un pressoché invisibile (ma riconoscibile) Louis de Funès figura tra le comparse di Rémonville.

4 commenti

  1. paolodelventosoest / 27 Febbraio 2014

    Michel Simon, che attore!

    • Stefania / 27 Febbraio 2014

      Come dice Guitry, non si sa quando inizi o finisca di recitare: l’arte recitativa fluisce in lui, letteralmente. E, poi, quella faccia… Mirabilia.
      L’hai visto, questo film? Per qualche giorno ancora, sarà disponibile su RaiReplay: è stato mandato in onda su Rai3, all’interno di Fuori Orario di Ghezzi.

  2. paolodelventosoest / 27 Febbraio 2014

    Ci proverò. Ma tu hai visto Simon ne l’Atalante di Vigo? Spettacolo puro!

    • Stefania / 27 Febbraio 2014

      Purtroppo, per intero, mai! Ma sono in fase di “recupero” di alcuni classici e spero di riuscirci presto 😉 Grazie per il consiglio!

Lascia un commento

jfb_p_buttontext