Recensione su La notte dei morti viventi

/ 19687.9192 voti

Caposaldo / 30 Marzo 2020 in La notte dei morti viventi

Esordio col botto per George Romero.
Ormai tutti conoscono il mito dei non-morti, degli zombie, eppure non tutti sanno come è nato questo sotto-genere del cinema horror.
Tutto nasce dalla fervida immaginazione di Romero che con pochi soldi ma tanta voglia e fantasia, mette in scena il terrore allo stato puro.
Bisogna anche ovviamente collocarlo nella sua epoca, visto oggi magari può far sorridere, visti gli effetti speciali molto rudimentali, ma il carico di tensione e angoscia, accompagnati da una colonna sonora ficcante, tengono incollati allo schermo fino all’epilogo quasi beffardo per il protagonista maschile.
Al di là del merito prettamente artistico, ognuno trae la propria interpretazione: c’è chi crede sia una condanna a tutte le guerre (Guerra Fredda, Guerra del Vietnam), chi ci legge del razzismo e chi della misoginia.
Ogni appassionato di genere horror deve vedere questa pietra miliare del genere.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext