Recensione su La finestra di fronte

/ 20046.8277 voti

16 Maggio 2011

Quando lo vidi al cinema, mi commosse molto anche perché trovai ammirevole (benché quasi assurdo, suvvia) l’interesse spassionato della protagonista per il vecchio sconosciuto (che eleganza, il Girotti…).
A rivederlo ora, mi ha emozionato ugualmente, ma con qualche riserva in più.
Ozpetek ci prova e ci riprova, ma certi toni almodovariani non sono proprio nelle sue corde e le storie che partono da A, con lui, sembrano necessariamente arrivare a B, senza scampo.
Resta il fatto che lo sguardo della Mezzogiorno, sui titoli di coda, è pura acqua fresca.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext