1989

La chiesa

/ 19895.937 voti
La chiesa
La chiesa

Durante il Medioevo, un gruppo di cavalieri teutonici distrugge un piccolo villaggio tedesco e stermina in modo atroce tutti i suoi abitanti, accusati di essere un'accolita di adoratori del demonio, e sopra l'enorme fossa comune viene eretta una possente cattedrale, a sigillo della tomba e del suo terribile contenuto: a distanza di secoli, dei banali lavori di restauro agli affreschi della chiesa portano alla luce una pergamena che stuzzica la curiosità del nuovo bibliotecario con risvolti spaventosi...
laschizzacervelli ha scritto questa trama

Titolo Originale: La chiesa
Attori principali: Hugh QuarshieTomas AranaFeodor Chaliapin Jr.Barbara CupistiAntonella VitaleGiovanni Lombardo Radice, Asia Argento, Roberto Caruso, Roberto Corbiletto, Alina De Simone, Olivia Cupisti, Micaela Pignatelli, John Karlsen, John Richardson, Michele Soavi, Gianfranco De Grassi, Claire Hardwick, Lars Jorgenson, Katherine Bell Marjorie, Riccardo Minervini, Enrico Osterman, Patrizia Punzo, Matteo Rocchietta, Isabella Rocchietta
Regia: Michele Soavi
Sceneggiatura/Autore: Michele Soavi, Dario Argento, Franco Ferrini
Colonna sonora: Keith Emerson, Philip Glass, Goblin, Fabio Pignatelli
Fotografia: Renato Tafuri
Costumi: Maurizio Paiola
Produttore: Dario Argento, Mario Cecchi Gori, Vittorio Cecchi Gori
Produzione: Italia
Genere: Horror
Durata: 102 minuti

Horror Italiano requiescat in pace. / 12 Febbraio 2016 in La chiesa

Film imperfetto. Bello stilisticamente ma scritto decisamente male. Un puro esercizio di stile che si lascia guardare ma non si lascia seguire. Inizialmente questo progetto doveva essere “Demoni3” ma successivamente divenne un film a se stante per volere di Soavi. La sceneggiatura scritta a otto mani non ha certo aiutato, di fatti il difetto maggiore è la confusione. Un sacco di personaggi e situazioni s’intervallano di continuo senza un reale filo logico…tanti sketch horror in rapida successione.

Verso il finale una citazione a Polanski grande quanto una chiesa.

Leggi tutto

20 Giugno 2014 in La chiesa

Michele Soavi avrebbe sicuramente meritato più fortuna, possiede un talento visionario che ho visto in pochissimi registi…dopo “Dellamorte Dellamore” ecco un altro suo film che ho trovato ottimo(l’inizio ambientato nel Medioevo è di una bellezza quasi folgorante), un film molto onirico e suggestivo, un horror che definirei come l’ultimo grande horror della nostra cinematografia.
In questa pellicola c’è tutto, inquietudine, angoscia, terrore, una fotografia più che buona, degli effetti speciali ottimi per quelli che erano gli standard dell’epoca, delle musiche accattivanti(la colonna sonora di Keith Emerson e dei sempiterni Goblin è a dir poco favolosa), una pellicola che, se avesse avuto una sceneggiatura più curata, sarebbe stato senza alcun dubbio uno dei migliori horror di tutti i tempi.
Peccato sia così sottovalutato e peccato venga considerato da molti un trash…magari fossero tutti così i trash…

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.