Kubo e la spada magica

/ 20167.593 voti
Kubo e la spada magica
Kubo e la spada magica

Nell'antico Giappone, il giovane cantastorie Kubo deve sfuggire alle sanguinarie zie e al nonno che, dopo avergli strappato un occhio quando era solo un neonato, sono intenzionati a ucciderlo. Nel tentativo di sfuggirgli, Kubo parte per un viaggio alla ricerca del padre, un valoroso samurai, in compagnia di un origami, una scimmia e uno scarabeo.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Kubo and the Two Strings
Attori principali: Art ParkinsonCharlize TheronRooney MaraMatthew McConaugheyRalph FiennesBrenda Vaccaro, Cary-Hiroyuki Tagawa, George Takei, Minae Noji, Saemi Nakamura, Alpha Takahashi, Michael Sun Lee, Laura Miro, Ken Takemoto, Aaron Aoki, Thomas Isao Morinaka, Rachel Morihiro, Meyrick Murphy, Ranjani Brow, Mariel Sheets, Luke Donaldson, Cary Y. Mizobe, Zachary Alexander Rice
Regia: Travis Knight
Sceneggiatura/Autore: Chris Butler, Marc Haimes
Colonna sonora: Dario Marianelli
Fotografia: Frank Passingham
Costumi: Deborah Cook
Produttore: Travis Knight, Arianne Sutner
Produzione: Usa
Genere: Azione, Fantasy, Famiglia, Animazione
Durata: 102 minuti

Giapponeseria / 18 Giugno 2018 in Kubo e la spada magica

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Animazione supermegaiperstrabiliante della Laika a parte, Kubo non mi ha affascinata granché, forse per via di una trama che alterna tritiritritismi ad alcuni passaggi interessanti ma mal gestiti.
Di certo, il film ha il merito di trattare il tema della trasmissione orale e di affrontare i temi della morte, della memoria e della famiglia in maniera affatto convenzionale (bella l’immagine dello shamisen che suona grazie a corde costituite da elementi appartenuti a personaggi profondamente legati fra loro e che dà il titolo originale al film), precorrendo ampiamente sull’argomento -pur senza averne, ahimé, una pari potenza emotiva- anche il premiatissimo Coco della Pixar e, per quel che riguarda il contesto culturale di riferimento, L’isola dei cani di Wes Anderson.

Fra le cose che mi hanno convinto poco, oltre a una certa indeterminatezza delle dinamiche narrative, c’è un uso dell’iconografia e del folklore orientale decisamente artificiale e artificioso (musiche in primis). Evidentemente (e un po’ me ne dolgo!), sono più scafata di quando, da bambina, credevo (per esempio) che il medioevo fosse quello rappresentato (per dire) dalla Disney in film come La Bella Addormentata o La spada nella roccia, in cui si forniva una rielaborazione eclettica e soggettiva di un preciso contesto, tanto potente da definire una forma credibile dell’Età di Mezzo fruibile da chi, come un bambino, appunto, non è “uno specialista di quel periodo” (cfr. https://bit.ly/2yjJ6qC).
Insomma, a conti fatti, se invece che in un presunto Giappone antico, filtrato da occhi occidentali, la storia fosse stata ambientata semplicemente in un contesto fantasy “originale”, con tanta tanta tanta presunzione penso che non ci sarebbe stata molta differenza, perché di “spirito” giapponese, in questo film, mi pare ve ne sia poco, benché sia più che evidente la smisurata passione del regista, Knight, per le tradizioni del Sol Levante. Insomma, Kubo mi è sembrato una giapponeseria, un film in stile, che usa un preciso patrimonio culturale non possedendone gli intimi afflati. Purtroppo, all’interno di questa filosofia pastiche, non siamo dalle parti del postmodernismo à la Tarantino (o di Samurai Jack, per rimanere in ambito animato!), che prende, estrae e rimescola con altri elementi tradizioni letterarie e cinematografiche peculiari come quella dei monogatari giapponesi e dell’action asiatico, come il wuxia cinese.

Leggi tutto

La scimmia, lo scarabeo e gli origami viventi / 11 Marzo 2017 in Kubo e la spada magica

Una parte centrale bellissima, ricca di fantasia, che pesca dall’ immaginario anime giapponese ma anche dai prodotti più insospettabili (io ci vedo reminiscenze di Kill Bill), con un finale piuttosto tirato e qualche incasinamento nella trama qua e là. Se ne parla come del miglior cartone del 2016, da noi effettivamente passato un po’ in sordina, ma io sinceramente gli preferisco il chiassoso Oceania.

Leggi tutto

Magnifico / 25 Gennaio 2017 in Kubo e la spada magica

Se avessi potuto mettere 11/10 lo avrei fatto.
Un film stupendo,emozionante,commovente,divertente e soprattutto frutto di un lungo e duro lavoro. Ho letto proprio oggi un articolo dove si spiegava la tecnica della stop-motion utilizzata nel film e sapere che in una settimana un operatore riesce a creare soli 5 secondi di film per quanto impegno e maestria mettono nel realizzare tutto ciò, mi ha fatto apprezzare ancora di più il film.

Leggi tutto

Capolavoro / 6 Gennaio 2017 in Kubo e la spada magica

nient’altro da dire.

….. / 16 Novembre 2016 in Kubo e la spada magica

Un film per certi versi molto poetico sull’amore immenso che ogni genitore dovrebbe avere verso il proprio figlio. L’amore e il senso di protezione.
Sicuramente un film non adatto ai bambini ma molto consigliato per gli adulti anche se non tutti riusciranno a coglierne il significato purtroppo.
Da vedere con il cuore aperto.

‘La fine di ogni storia non è altro che l’inizio di una nuova storia.’

‘I ricordi, il più potente genere di magia che ci sia.’

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.