Recensione su Kong: Skull Island

/ 20176.3102 voti

VORREI UN HAPPY KONG / 5 Agosto 2017 in Kong: Skull Island

Provo una strana sensazione, mi sono divertito con un blockbuster caciarone, e ciò, francamente non mi capitava da tanto tanto tempo. Mi sento come sazio e soddisfatto da un pasto di mcdonalds…ogni tanto concedersi del junk food è salutare per lo spirito.
Scherzi a parte sono realmente sorpreso da quanto mi sia piaciuto questo “skull island”. L’ho trovato un intrattenimento realmente valido nella sua vacuità.

Trama semplice che più semplice non si può…per motivi scientifici un gruppetto di militari, si inoltra su di una lussureggiante e misteriosa isola. Qui incontreranno una fauna particolarmente ostile. Fine.

Jordan Vogt-Roberts è il barbuto giovane artefice di questo ottimo big mac cinematografico. Il ragazzo dirige con una discreta sicumera un cast di nomi altisonanti ed un soggetto storico. Eccede nel calcare la mano col citazionismo ma è tutto sommato gradevole il costante rimando ad Apocalypse Now.
Cast di calibro che verrà scremato dal video in base al cachet percepito.
CGI sempre in campo ma insolitamente funzionale. Fotografia coloratissima e luminosissima.

Requisiti minimi per apprezzare la pellicola: Spegnere il cervello, spegnere la logica, godersi l’avventura.
Lo si può smontare e criticare quanto si vuole e vi darò sempre ragione maaaaa…si…c’è un ma lungo quattro A…mi ha divertito dal primo all’ultimo minuto.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext