9 Recensioni su

Kong: Skull Island

/ 20176.3108 voti

un 8 MOLTO di parte / 1 Settembre 2019 in Kong: Skull Island

fin da piccolo adoro il genere, questo Kong incastrato all’interno di un monsterverse non puo far altro che esaltarmi. Ottimi effetti visivi ( anche se la WETA col precedente Kong di Jackson credo abbia fatto meglio ) ed un super cast in parte un po sprecato ma comunque di grande impatto ( 3 grandi nomi provenienti dal MCU ). Ancora più mostroni, grazie.

Mah. / 21 Novembre 2018 in Kong: Skull Island

Le mie aspettative per questo Kong: Skull Island erano abbastanza basse, ma ero abbastanza certo che pur non ritrovandomi davanti a chissà quale perla del cinema fosse un blockbuster di intrattenimento puro che, visto il cast, poteva comunque risultare una visione piacevole. E per carità, non dico che non si faccia guardare tranquillamente, però quando hai tra le mani un cast del genere, come minimo, usalo. E invece no. La trama è più che elementare – ma non mi aspettavo molto di più – i dialoghi quasi inesistenti, non pervenuti, tranne pochi spiegoni affidati a John C. Reilly, e alla fine del film hai pure l’impressione che, semplicemente, ad un certo punto gli sceneggiatori (e mi fa ridere l’idea che ce ne siano) abbiano detto “va beh, non so come continuare, chiudiamolo qui”. Attori del calibro di Hiddleston, Larson, Jackson e Goodman pressoché inutilizzati. Ma perché?

Leggi tutto

VORREI UN HAPPY KONG / 5 Agosto 2017 in Kong: Skull Island

Provo una strana sensazione, mi sono divertito con un blockbuster caciarone, e ciò, francamente non mi capitava da tanto tanto tempo. Mi sento come sazio e soddisfatto da un pasto di mcdonalds…ogni tanto concedersi del junk food è salutare per lo spirito.
Scherzi a parte sono realmente sorpreso da quanto mi sia piaciuto questo “skull island”. L’ho trovato un intrattenimento realmente valido nella sua vacuità.

Trama semplice che più semplice non si può…per motivi scientifici un gruppetto di militari, si inoltra su di una lussureggiante e misteriosa isola. Qui incontreranno una fauna particolarmente ostile. Fine.

Jordan Vogt-Roberts è il barbuto giovane artefice di questo ottimo big mac cinematografico. Il ragazzo dirige con una discreta sicumera un cast di nomi altisonanti ed un soggetto storico. Eccede nel calcare la mano col citazionismo ma è tutto sommato gradevole il costante rimando ad Apocalypse Now.
Cast di calibro che verrà scremato dal video in base al cachet percepito.
CGI sempre in campo ma insolitamente funzionale. Fotografia coloratissima e luminosissima.

Requisiti minimi per apprezzare la pellicola: Spegnere il cervello, spegnere la logica, godersi l’avventura.
Lo si può smontare e criticare quanto si vuole e vi darò sempre ragione maaaaa…si…c’è un ma lungo quattro A…mi ha divertito dal primo all’ultimo minuto.

Leggi tutto

Tanto impegno, pochi risultati / 9 Luglio 2017 in Kong: Skull Island

Ricca produzione e grande cast per un risultato poco più che mediocre. La sceneggiatura non riesce mai a far montare veramente la tensione: tutto è annacquato, prevedibile – persino lo scontro finale tra i mostri; durante l’intero film ho sussultato davvero una sola volta. A volte sembra di stare assistendo alla cronaca di una scampagnata funestata da alcuni deplorevoli incidenti. Gli effetti speciali sono per lo più decenti, ma Kong non sembra mai particolarmente reale.
Quanto all’interpretazione, abbiamo un classico problema di over-casting, con tanti nomi gettati sul set a pestarsi i piedi. Tom Hiddleston potrebbe venire espunto dalla trama senza grandi danni per il film; Brie Larson si impegna ma fa rimpiangere Jessica Lange – ed è tutto dire – il cui candido erotismo almeno giustificava (beh, più o meno) le attenzioni del gorilla nel film del 1976. John Goodman sembra sempre sul punto di chiedere se è capitato sul set giusto; Samuel L. Jackson interpreta con impegno la parte di Samuel L. Jackson. Salverei il solo John C. Reilly, che almeno è simpatico.
Occhio alla scena dopo i titoli di coda.

Leggi tutto

Bello da vedere… / 4 Aprile 2017 in Kong: Skull Island

Prevedibile, con una storia molto “americana” che ricorda tanti altri film, KONG merita una vista per altri motivi, tra cui la buona suspence e gli effetti speciali, non certo per personaggi messi li per far numero, a far scena o a ridicolizzarsi.
Alcune scene sono davvero avventurosi, come l’arrivo sull’isola, anche se altri noiosi e lunghi, i personaggi poi poco approfonditi e troppi… questo film è da vedere al cinema senza dubbio. Non resterà nella memoria, se non per qualche scena clou, anche perchè la trama sembra una sorta di “The Great Wall” (che comunque è stato meno bello).
Il più bel King Kong resta quello di Peter Jackson. Punto.
Ma un bel 7 glie lo do a questo qui.
ps: Tom Hiddleston fai davvero pena.

Leggi tutto

Je suis Kong / 22 Marzo 2017 in Kong: Skull Island

Nuova versione del mitico gorilla. Questa rivisitazione non è affatto male. Gli effetti speciali sono pazzeschi. La storia piacevole e devo dire che non annoia lo spettatore.
Stiamo parlando di Kong, non ci si può aspettare che un film spettacolare e nulla più. Ho sentito dire che è banale… Ma che vogliamo da Kong… Che si metta a recitare in rima o che possa ballare il tip tap?
Kongo è sempre Kong…
Anche se… Beh devo dire che una stortura l’ho notata (a quanto pare solo io…). Kong cammina non come un comunissimo gorilla… Kong è un po’ coatto… Cammina come un umano. Completamente in stazione eretta come noi. Lo vedi passeggiare nel fiume come il più fico dei fichi. Proprio la camminata dei bulletti del quartiere. Ecco, forse questa l’avrei evitata. Kong sempre gorilla rimane anche se EXTRASTRONG!
Per il resto…
JE SUIS KONG!!!
Ad maiora!

Leggi tutto

Il voto sarebbe un 7.5 / 18 Marzo 2017 in Kong: Skull Island

La domanda che uno spettatore medio si pone è: C’era bisogno di un altro film su King Kong? Probabilmente no, ma questo film raggiunge comunque lo scopo di intrattenere e divertire gli spettatori.
Inizio con il reclutamento della squadra assoldata da Bill Randa (John Goodman) per esplorare un’isola sconosciuta nota come Isola dei Teschi. Troviamo quindi il tenente colonnello Packard (Samuel L. Jackson) che dopo la guerra del Vietnam appena conclusa pensava di essere disoccupato; l’ex componente dell’MI6 britannico James Conrad (Tom Hiddleston), diventato una guida. Inoltre si aggrega alla squadra anche la fotografa Mason Weaver (la brava e bella Brie Larson) che sospetta che i veri scopi alla base dell’esplorazione siano altri.
Il primo incontro con Kong è tremendo per la spedizione; questo mega-gorilla (alto 30 metri e si vedono tutti) schiaccia gli elicotteri come mosche per difendere il suo territorio disturbato da alcune bombe per sondare il terreno lanciato dal team di esplorazione.
La spedizione scoprirà presto che Kong non è la creatura più pericolosa che vive su quell’isola; interessanti le varie scoperte che il gruppo fa durante il suo viaggio all’interno del territorio sconosciuto.
Il gruppo iniziale si spezzerà in due: il gruppo militare che sarà accecato dal tentativo di vendetta verso Kong e il gruppo più “pacificista” che scoprirà in Kong il difensore dell’Isola verso creature più mostruose e pericolose.
Kong si dimostrerà sensibile anche al fascino femminile, rispetto ai precedenti però il rapporto con Mason si limita ad alcune scene.
Film di puro intrattenimento e divertimento, per me è stata una piacevole sorpresa perchè mi aspettavo il “solito” film su King Kong. Invece viene dato spazio alla natura incontaminata dell’isola con le varie specie (pericolose e non), un gruppo di indigeni che ha ospitato un pilota americano precipitato trent’anni prima (John C. Reilly) e al gruppo esplorativo diviso in due non solo da Kong.

Leggi tutto

Nelle fauci della CG / 15 Marzo 2017 in Kong: Skull Island

Il blockbusterone corazzato che ha accontentato la critica, salvando in corner Brie Larson fresca di Oscar (il rischio flop ne avrebbe compromesso non poco la posizione) e gettando nelle fauci della CG un cast altisonante. Si salva solo l’odd couple di turno, Shea Whigham e Jason Mitchell, davvero simpatici. Gli altri sono piatti e inconsistenti come figurine (Tom Hiddleston, ma che ci stava a fare?).
Parlare degli effetti speciali in questo film è come parlare della trasparenza dell’acqua, nulla di più ovvio con un investimento di 185 milioni di dollari. Tuttavia se lo scontro finale col rettilone è abbastanza prevedibile, la sequenza più bella rimane lo scontro con gli elicotteri sullo sfondo di un tramonto rosso fuoco che non può non ricordare Apocalypse Now.

Leggi tutto

Kong ai tempi del Vietnam / 14 Marzo 2017 in Kong: Skull Island

Nel 1944, durante un combattimento aereo, un soldato americano ed uno giapponese precipitano su una sperduta isola nel Pacifico. La lotta tra i due termina quando le manone di un noto primate appaiono…passano gli anni e ci spostiamo nel 1973: Bill Randa (John Goodman) è un agente governativo che vuole condurre nelle ricerche nella nota Isola del Teschio. Dopo essere riuscito finalmente ad ottenere il permesso, si forma una squadra per l’esplorazione, che comprende l’ex Capitano britannico James Conrad (Tom Hiddleston) e una squadra di militari di stanza in Vietnam, che dovranno affrontare questa missione prima del loro ritiro da quel conflitto. A capo di loro c’è Preston Packard (Samuel L. Jackson). Insieme al gruppo, tra gli altri, la fotografa Mason Weaver (Brie Larson) tutt’altro che simpatizzante dei militari, cosa chiaramente ricambiata. Arrivare sull’isola non è facile, ma, dopo aver passato una brutta tempesta, il più sembra fatto. Si comincia a bombardare “per rilevare le reazioni del sottosuolo” e ovviamente un certo Kong si incavola come non mai e fa una strage degli elicotteri militari. I superstiti si dividono: da una parte il gruppo con il violento e deciso soldato Packard e i suoi uomini, oltre che Randa, che rivelerà ben presto quanto in realtà sapesse di cosa poteva contenere il posto. Nell’altro gruppo ci sono Conrad e la Weaver. Incontreranno, oltre al mitico Kong, mostri di ogni tipo, ambiente ostile, popolazioni native e faranno anche un inaspettato incontro. Il tutto sempre ad un ottimo ritmo, con ottimi combattimenti, riprese spettacolari ed anche una bella colonna sonora (Black Sabbath, CCR, David Bowie…). Un film nel quale sicuramente non ci si annoia, si riprende il personaggio di Kong, si cambia la storia e il risultato, forse senza riuscire ad eguagliare quel capolavoro assoluto del 1933, è davvero buono. Lo consiglio vivamente, e raccomando anche di provvedere a rimediare Godzilla del 2014, io stesso devo farlo, in quanto i film saranno collegati, come si potrà capire dalle scene post-crediti.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.

Non ci sono voti.