Recensione su Cogan - Killing Them Softly

/ 20126.2117 voti

Il voto sarebbe un 5.5 / 13 aprile 2015 in Cogan - Killing Them Softly

Thriller d’azione di Andrew Dominik (“L’assassinio di Jesse James…”).
Due ragazzi (uno dei due è Scoot McNairy che avevo visto recentemente in “Non stop”) decidono di rapinare una partita di poker tra componenti della malavita. Sono convinti di poterla fare franca per un precedente che potrebbe dare la colpa del fatto all’organizzatore della partita Markie Trattman (Ray Liotta).
Però l’associazione criminale non ci crede e assume Jackie Cogan (Brad Pitt che si sta riciclando in ruoli da killer, vedi anche “The counselor”) per scoprire la verità (con i mezzi tipici da malavita).
Il film è però abbastanza piatto e insignificante, perfino noioso nella seconda parte (che è invece quella che dovrebbe regalare un pò più di pathos). Purtroppo una delle ultime apparizioni di James Gandolfini non è esattamente memorabile come anche il suo personaggio, un killer più attaccato alla bottiglia che al suo “dovere”.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext