Recensione su È solo la fine del mondo

/ 20167.2166 voti

Il sudore dei repressi / 11 Dicembre 2016 in È solo la fine del mondo

Poche ore, il caldo, gli altri, uguali. Amarli e basta? Certo, e rifuggire, per l’ennesima incomprensione. Momenti di tensione, ricordi, una libertà sognata, disperata, e poi esci dal nido, con ali mozzate, e ti sembra il paradiso; stai per cadere; ritorni, come per dar fine a un capitolo. Solo Xavier poteva dare questa madre, questa cognata: ritorna l’ossessione che lo smuove. Un inno all’ascolto, per una tranquillità necessaria. Di sicuro, uno dei migliori di Dolan.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext