Recensione su Johnny Mnemonic

/ 19956.0101 voti

JOHNNY BLURAY / 1 Marzo 2021 in Johnny Mnemonic

Anni ’90 e Cyberpunk, che binomio. il 2000 Incombeva e la computer grafica pure, il futuro era già qui.

Solo nel 1995 escono capolavori del genere come “Strange Days” e “Ghost in the shell”, ma anche fetenzie come “Dredd” e compagnia cantante. “Johnny Mnemonic” si pone esattamente nel mezzo tra la schifezza e il caposaldo.

Johnny è un corriere di dati che si muove in un mondo futuro distopicamente sovrastato e dipendente dalla tecnologia, tipo il fax e internet. Grazie ad un impianto nella testa si sovraccarica la testa di dati che scottano e da qui si mette nei guai.

Ricco di buone trovate, lo si ama sopratutto per i difetti.
Trama semplice e lineare, bei personaggi caratterizzati e pittoreschi, buona ambientazione generale.
Di contro c’è una regia forzata, una lettura errata di quella che sarebbe stata l’evoluzione tecnologia tanto da risultare già obsoleto pochi anni dopo la sua uscita (La capacità di memorizzazione di un corriere professionista è di 80gb, praticamente un bluray). Anche gli effetti speciali pratici sono un po’ alla buona mentre quelli in cgi sono da ridere proprio.

Johnny Mnemonic mi ha divertito più di quanto immaginassi, alla pari di un Detective Stone, ma capisco perfettamente chi non lo apprezza e per quali ragioni.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext