Recensione su Ithaca

/ 20153.85 voti

Il voto sarebbe un 6.5 / 31 luglio 2017 in Ithaca

Debutto alla regia di Meg Ryan che sceglie una storia drammatica ai tempi della seconda guerra mondiale tratta dal romanzo “The Human Comedy” di William Saroyan,.
Il quattordicenne Homer ha da poco perso il padre (Tom Hanks), il fratello Marcus è partito per il fronte e lui è l’uomo di casa che deve badare alla madre Katey (Meg Ryan) e al fratellino.
Trova lavoro come postino, ma fare il postino in tempi di guerra non è facile; spesso si è latori di brutte notizie come la morte di un figlio.
Il film è una sorta di romanzo di formazione con Homer che deve subito convivere con gli orrori della guerra e cresce in fretta; nell’ufficio postale il vecchio telegrafista Willie Grogan (Sam Shepard) è spesso ubriaco anche se gli dà buoni consigli. Homer si fa carico, fin troppo, degli oneri delle Poste consegnando tragici telegrammi. Inoltre si dovrà anche preoccupare delle sorti del fratello che ogni tanto gli scrive qualche lettera dal fronte.
Meg Ryan tende più al tragico, poteva alleggerire un pò il dramma con qualche scena più lieve; oltre ai telegrammi funesti, poteva consegnarne qualcuno di più lieve (notizie dal fronte ad esempio), ogni tanto è il fratellino di Homer a rallegrare il film. La cittadina si chiama Ithaca e sembra quasi obbligato ad avere Homer come protagonista e Ulisse come nome del fratellino.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext