Italy in a Day - Un giorno da italiani

/ 20147.386 voti
Italy in a Day - Un giorno da italiani

Da un progetto di Ridley Scott. Il 26 ottobre 2013 più di quarantamila italiani hanno documentato la propria giornata attraverso i più disparati dispositivi digitali.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Italy in a Day - Un giorno da italiani
Attori principali: Gabriele SalvatoresRegia: Gabriele Salvatores
Colonna sonora: Deproducers
Produttore: Lorenzo Gangarossa, Marco Cohen, Benedetto Habib, Fabrizio Donvito, Ridley Scott, Liza Marshall, Jack Arbuthnott, Carlo Dusi
Produzione: Italia, Gran Bretagna
Genere: Documentario
Durata: 75 minuti

Io ci odio / 10 Ottobre 2014 in Italy in a Day - Un giorno da italiani

Ad un certo punto in “Comizi d’amore”, Pasolini riflette sulla validità del suo documentario arrivando a pensare che ciò che ne emerge sia falsato. Infatti la maggioranza delle persone intervistate si è avvicinata al suo microfono di propria spontanea volontà, forse per via di un’insanabile voglia di apparire. Ecco il motore di questo film di Salvatores, la voglia di apparire.
Troviamo di tutto: scenette finte costruite ad opera d’arte, filosofia da quattro soldi (il buon ciclista), banalità di ogni tipo (ragazzo con panino), gente che si lamenta per svago della situazione in Italia, una marea di bambini/anziani e non manca nemmeno la musichina triste in sottofondo.
Insomma, bisogna piangere, lo dimostra il fatto che le uniche immagini legate a malattia e/o morte siano immagini di bambini (giusto per andare sul sicuro).
Il film è indiscutibilmente patetico, bisogna solo decidere in che accezione.

P.S.: Amo tutti quelli che sapendo di questo progetto hanno pensato bene di NON fare un video, persone che ancora sanno resistere a questa smania di mettersi in mostra. Non tutte le vite sono interessanti, rendiamocene conto.

Leggi tutto

Da vedere. / 1 Ottobre 2014 in Italy in a Day - Un giorno da italiani

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

E’ un “film” che merita, fa vedere l’Italia e gli Italiani sotto molte sfaccettature.
Siamo un popolo che va avanti, nonostante tutto, nonostante tutti i problemi.
C’è chi aspetta il ritorno a casa (o notizie) di un figlio scomparso da anni, chi durante il giorno vede solo mare e chi è relegato tra le mura di casa, chi aspetta la nascita di un figlio, chi un lavoro, chi vorrebbe cambiare la propria vita e chi immagina che succeda qualcosa di bello, bellissimo, durante la giornata.
E’ gente comune, persone come tutti.
E poi c’è quella bambina che dice “l’Italia è un paese povero…però è variopinta!”
Questo è il nostro punto di forza. Siamo in una situazione di crisi, ma gli Italiani, per quel che vedo io, per quanto possano avere tutti i difetti del mondo..sono creativi. In un modo o nell’altro se la cavano. Con ironia, con simpatia, ma se non esiste una via d’uscita, la creano.
E questo mi dà speranza.

Leggi tutto

28 Settembre 2014 in Italy in a Day - Un giorno da italiani

Conoscendo, ormai da un anno, la tecnica con cui avrebbero realizzato l’intero film, non ci sono state aspettative da rispettare o far decadere, fatta eccezione per il montaggio.
Italy in a day è strutturato come una “macrogiornata” vissuta dai tanti italiani che hanno deciso di partecipare (o non) in maniera totalmente differente.
Dall’alba al tramonto, dalla nascita alla morte, dall’unione all’addio.
E’ un ciclo apparentemente fine a sé stesso : che prende avvio e si conclude nella durata di 75 minuti che, ammetto, volano via senza dare accenni di pesantezza o apatia.
Non mostra un’Italia sfarzosa, dando, invece, una visione d’insieme delle sue bellezze, dei suoi difetti, della sua semplicità e della sua popolazione (eternamente combattuta tra restare o fuggire, per sogni o speranza di innovazione).
Commovente, è la parola adatta.
Lascia un magone costante che, appena tenta di sciogliersi, viene nuovamente nutrito.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.