Recensione su It - Capitolo due

/ 20196.563 voti

Il voto sarebbe un 7.5 / 9 Settembre 2019 in It - Capitolo due

Seconda parte del film tratto da uno dei più famosi romanzi di Stephen King (se non il più famoso).
Ci troviamo a Derry nel 2016 e una coppia di ragazzi omosessuali viene brutalmente aggredita da alcuni bulli omofobi; uno dei due ragazzi finisce in acqua dove viene “terminato” da It.
Mike Hanlon (Isahia Mustafa visto nella serie tv Freeform Shadowhunters), l’unico componente dei Perdenti che è rimasto a Derry, fa una serie di telefonate ai suoi “vecchi” amici per richiamarli in città.
Bill (James McAvoy) è diventato un celebre scrittore e sta lavorando sulla sceneggiatura di un film tratto da un suo romanzo dove la moglie interpreta la protagonista; Richie (Bill Hader) è un cabarettista; Eddie (James Ransone) è un assicuratore sposato con una donna iperprotettiva come la madre; Ben (Jay Ryan) è notevolmente dimagrito (anche nel romanzo se non ricordo male) ed è un famoso architetto; Stan è un uomo d’affari; Beverly (Jessica Chastain) è una stilista sposata con un uomo impulsivo e violento che assomiglia al padre.
Sembra che allontanandosi da Derry, abbiano perso la maggior parte dei ricordi legati all’infanzia e in particolare all’incontro con It ma, tranne un caso, non esitano a tornare a Derry per la promessa che li lega.
Seconda parte molto più horror, con alcune scene abbastanza cruente (da qui il divieto per i minori di 14 anni, non sempre rispettato nei cinema); ritmo, azione e amicizia fanno da contorno a questa buonissima seconda parte.
Alcune scene (come l’aggressione iniziale ai due omosessuali) sono molto simili a come le ero immaginate leggendo il libro e il film ha rispolverato un po’ di ricordi sopiti. Forse Henry Bowers nel libro aveva più spazio rispetto a quello datogli nella pellicola ma per il resto c’è una buona adesione al romanzo.
Cerco di non aggiungere nulla di più per non rovinare troppo, dico solo che il film dura più di due ore e mezzo ma non ci si annoia mai. Comparsata di Stephen King nei panni del rigattiere dove Bill rivede la sua vecchia bici; si avverte un po’ di nostalgia in alcune atmosfere e in alcuni ricordi del passato.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext