Recensione su Io, loro e Lara

/ 20105.8159 voti

20 Ottobre 2012

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

A parte che non fa ridere. O almeno, io non ho riso.
Ma a parte questo, io ho proprio un problema di fondo. Ma che razza di messaggio trasmette, il film?
Non riesco a capire per quale arcana ragione debba concludersi con un finale alla “siamo tutti felici e contenti”. [SEGUE ENORME SPOILER SUL FINALE] C’abbiamo uno zio tossicomane, un nonno palesemente un po’ rimbambito, una zia che tanto a posto non mi sembra, e una povera ragazza che in preda alla disperazione non si fa problemi a prostituirsi in chat. E poi abbiamo un’assistente sociale che c’ha problemi personali pure lei, in base a cui decide che tutto sommato sì, quella è una buona famiglia in cui far crescere un bambino. Affida il bambino a ‘sta banda di rincretiniti, e a Natale sono tutti felici e contenti a far la festa sotto l’albero.
Eh???.
Ci avesse fatto vedere un cambiamento, una crescita psicologica dei personaggi, una redenzione… e invece no, niente. Il messaggio che passa è che questi qui si vogliono tutti tanto bene, e allora se ti vuoi bene è tutto okay: va bene la mamma prostituta, lo zio che sniffa, il nonno che campa a suon di viagra, tanto ci vogliamo bene e a Natale stiamo tutti assieme sotto l’albero e sorridiamo.
Ma…?

Lascia un commento

jfb_p_buttontext