?>Recensione | Inferno | Il voto sarebbe un 6.5

Recensione su Inferno

/ 20155.7171 voti

Il voto sarebbe un 6.5 / 17 luglio 2017 in Inferno

Terzo film tratto dai romanzi di Dan Brown con protagonista Robert Langdon.
Stavolta è passato un pò più di tempo dalla lettura del libro e quindi sono un pò meno critico rispetto all’adattamento cinematografico. In linea di massima corrisponde abbastanza anche se, guardando su Wikipedia, mi sono accorto di numerose “licenze” che Ron Howard e soci si sono presi.
Il prologo vede una persona inseguita da tre uomini per le vie di Firenze che si rifugia su un campanile e vistosi perduto si getta nel vuoto; si scopre in seguito che l’uomo è Bertrand Zobrist (Ben Foster) un miliardario eccentrico che è enormemente preoccupato (scusate l’eufemismo) del sovrappopolamento mondiale.
Poi l’azione si sposta su Robert Langdon (Tom Hanks) che troviamo in un letto d’ospedale ferito e confuso (ha perso la memoria degli ultimi giorni) con una donna che cerca di ucciderlo. Riesce a scamparla grazie all’aiuto della dottoressa Sienna Brooks (Felicity Jones) che lo porterà a casa sua per proteggerlo.
Inizio un pò confuso con le visioni di Langdon che si sovrappongono all’azione; per chi ha letto il libro è facile seguire il film, con l’azione che parte da Firenze per passare da Venezia ed arrivare a Istanbul. Mistero e azione con i soliti enigmi e fantastiche location che caratterizzano i romanzi di Dan Brown con una rischiosa caccia al tesoro (o all’indizio) che si snoda per le vie della città di Firenze che è uno dei protagonisti del film.
Nel resto del cast da citare Omar Sy (Quasi amici) nei panni di Bouchard, uno dei membri dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che insegue Langdon.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext