Recensione su Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni

/ 20105.6267 voti

Provaci ancora Woody (ma senza fretta) / 10 Marzo 2011 in Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni

Gli assunti sarebbero anche interessanti: il materialismo, le crisi della mezza e della terza età, i destini che si incrociano beffardamente. Il problema è che con queste basi (che d’altronde sono tipicamente sue) Woody Allen non sa dove andare a parare, e infatti il film sembra interrompersi a metà, e quasi tutte le storie intrecciate non trovano una conclusione. La voce off tenta di dare un filo logico e un finale plausibile alla vicenda coprendola con una patina intellettuale, ma risulta solo fastidiosa e a tratti ridicola. Sul tutto una messa in scena dozzinale tipica degli ultimi film dell’autore newyorkese, che non fa davvero onore alla sua storia e può essere spiegata, ma non giustificata, solo dal ritmo da catena di montaggio con cui gira le sue opere. Le belle tonalità della fotografia non possono nascondere le inquadrature trascurate, certe verbosità inutili in bocca a personaggi così piatti (vedi Banderas), i trucchetti fini a se stessi (la ragazza sempre in rosso).
Il mestiere c’è tutto, quella che sembra smarrita è l’ispirazione.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext