Recensione su In Time

/ 20116.5642 voti

Non male nel suo genere / 11 Marzo 2012 in In Time

Buono lo spunto iniziale, il tempo come valuta di denaro e di scambio, con una classica divisione in zone e in ceti sociali (pochi ricchi e moltissimi poveri, tipico schema piramidale) ma resa in modo efficace con tanto di dogane. Timberlake fa la sua figura (come in “Alpha Dog” 2006) nonostante il personaggio stereotipato non eccessivamente caratterizzato, Amanda Seyfried e Olivia Wilde buone presenze femminili. L’irlandese Cillian Murphy sbirro agguerrito e roccioso, con un personaggio tutto d’un pezzo e a suo modo dolente, e l’ex golden boy Pettyfer criminale stile anni ’50 con tanto di completo gessato e bretelle. Scenografia molto attuale con alcune aggiunte, come automobili e tecnologia per dare un tocco futuristico al tutto, regia nella media, montaggio leggermente superiore. Film d’azione e di disimpegno, quindi di base senza pretese, ma godibile e che mediamente risulta una tacca superiore a molti altri film.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext