Recensione su In Time

/ 20116.5633 voti

20 Febbraio 2012

Altro bel film, dalla trama abbastanza originale, di Andrew Niccol (Gattaca e S1m0ne). Il tempo è la moneta corrente e all’inizio serve proprio per ambientarsi, conoscere il protagonista Justin Timberlake e abituarsi all’idea di sentire parlare del tempo in termini materiali. Hai 5 minuti? assume un altro significato all’interno del film, il che permette di riflettere sull’importanza del tempo ai nostri giorni. Poi con il proseguire del film c’è più una lotta di classe tra ricchi e poveri (chi è ricco non ha problemi di tempo mentre il povero deve lottare per sopravvivere, materialmente, alla giornata), con il personaggio di Justin Timberlake che diventerà un moderno (o futuro) Robin Hood.
La seconda parte è più di azione con il guardiano del tempo Cillian Murphy che cerca di catturare i due fuggitivi, Justin Timbelake e la bella sorpresa Amanda Seyfried.
In un film dove non si conosce l’invecchiamento e le persone si “fermano” ai 25 anni, non deve stupire che Olivia Wilde sia la madre di Justin Timberlake

Lascia un commento

jfb_p_buttontext