Il sospetto

/ 20128.0334 voti
Il sospetto

Il quarantenne Lucas, insegnante in un asilo, da poco separato, benvoluto da tutti i suoi conoscenti, sta tentando di recuperare il rapporto con il figlio adolescente. Le cose sembrano andare nel verso giusto, fino al giorno in cui la sua vita viene sconvolta da un'accusa infamante.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: Jagten
Attori principali: Mads MikkelsenThomas Bo LarsenAnnika WedderkoppLasse FogelstrømSusse WoldAnne Louise Hassing, Lars Ranthe, Alexandra Rapaport, Sebastian Bull Sarning, Bjarne Henriksen, Steen Ordell Guldbrandsen, Daniel Engstrup, Troels Thorsen, Søren Rønholt, Jytte Kvinesdal, Josefine Gråbøl, Nicolai Dahl Hamilton, Øyvind Hagen-Traberg, Allan Wibor Christensen, Rikke Bergmann, Rasmus Lind Rubin, Frank Rubæk, Nina Christrup, Birgit Petersen, Karina Fogh Holmkjær, Heidi Gross, Marie Aktor, Mona C. Soliman, Mie Ravn Nielsen, Kim Westi Rasmussen, Thomas Ravn, Katrine Brygmann, Ole Dupont
Regia: Thomas Vinterberg
Sceneggiatura/Autore: Thomas Vinterberg, Tobias Lindholm
Colonna sonora: Nikolaj Egelund
Fotografia: Charlotte Bruus Christensen
Costumi: Manon Rasmussen
Produttore: Sisse Graum Jørgensen, Morten Kaufmann, Thomas Vinterberg
Produzione: Danimarca
Genere: Drammatico
Durata: 116 minuti

Travolgente / 27 Dicembre 2017 in Il sospetto

Durante tutto il film si percepisce questa “pesantezza” travolgente con un’iperbole che dura tutta la pellicola. Imparagonabile Mikkelsen che si trova a fare un ruolo difficilissimo. La caccia non sembra essere importante finché non arriva il finale, è allora che la metafora ideata da Vitterberg finalmente si completa.

Mads Mikkelsen al suo meglio ^_^ / 2 Dicembre 2015 in Il sospetto

Film presentato al festival di Cannes nel 2012 grazie al quale Mads Mikkelsen vince il premio per la migliore interpretazione maschile, premio meritato ampiamente. Ho visto questo attore in altri film, inoltre egli ha raggiunto la notorietà anche grazie alla serie televisiva Hannibal dove interpreta il ruolo del dottor Hannibal Lecter; ma qui ha assolutamente soddisfatto le mie aspettative, con incredibile espressività è riuscito a portare sullo schermo la figura drammatica di quest’ uomo etichettato e maltrattato da tutta la comunità per un accusa infondata. Assolutamente consigliato.

Leggi tutto

23 Maggio 2015 in Il sospetto

Tematica molto forte, un film duro, freddo. Lucas (Mads Mikkelsen) recita in maniera ancestrale. Deluso un pochino sul finale, ma sicuramente una gran pellicola.

5 Gennaio 2015 in Il sospetto

Vedere lo stesso attore che in un telefilm mangia deliziose tartare di fegato giocare con innocenti bambini all’asilo diciamo che mi ha fatto un po’ strano. Nonostante ciò, interessante thriller semi-psicologico che stravolge gli schemi permettendo di analizzare anche la visione della vittima, non solo dell’accusatore, con tutte le ripercussioni private e sociali del caso. E poi Mads Mikkelsen è bellissimo.

Leggi tutto

6 Marzo 2014 in Il sospetto

Devo dire che ero molto prevenuta nei confronti di questo film per due motivi, il primo piuttosto banale e riguarda la mia non simpatia per il regista, amico intimo di Von Trier, che io considero l’anti-cinema per eccellenza, il secondo riguarda il mio carattere, sapevo che mi avrebbe dato fortemente fastidio vedere questo film e così è stato, è un film che mi ha disturbato, che ho odiato fin dal primo fotogramma per il tema trattato, ma non posso non lodare la sua bellezza, la sua intensità, anche, sinceramente, il finale mi ha un po’ delusa.
Un film duro, angosciante, che ti fa crescere una rabbia immensa nel cuore, rabbia contro l’ottusità di coloro che ci circondano, rabbia per come basti poco a giudicare un essere umano…avrei voluto entrare nel film e prendere a schiaffoni quella bambina bugiarda e viziata(eh si che io amo i bambini alla follia e mai mi sognerei di fare loro del male), a urlare in faccia a tutta quella società bigotta e provinciale l’innocenza del protagonista, avrei voluto essere accanto a quell’uomo, confortarlo e aiutarlo a difendersi da tanta crudeltà umana.
E’ un film che fa male, che ti fa riflettere, ma che, purtroppo, cade nel finale, dove tutto si risolve a tarallucci e vino, dove tutto ritorna alla normalità(non so voi, ma io non ritornerei mai a essere amico di coloro che mi hanno sputato in faccia fino a poco tempo prima, non ritornerei mai con una persona che mi ha abbandonato nel momento del bisogno, non prenderei mai in braccio una bambina che mi ha rovinato la vita in quel modo…non lo so, forse sarò io che non sono in grado di andare oltre certe cose, che non dimentica tanto facilmente il male che le è stato recato…), come se nulla fosse accaduto…non lo so, mi è sembrato un finale troppo semplicistico, che rovina una pellicola fino a quel momento assolutamente perfetta.
Straordinaria l’interpretazione dell’attore protagonista, il granitico Mikkelsen, splendide l’atmosfera(la gelida e bellissima Danimarca, con la sua rigogliosa natura e i suoi boschi pieni di fascino), ottima la regia, ma io continuo a preferire la bellezza visiva e unica del film di Sorrentino.

Leggi tutto
inserisci nuova citazione

Non ci sono citazioni.