Recensione su Il ragazzo con la bicicletta

/ 20117.193 voti

15 Dicembre 2011

Triste ma essenziale. Non è un film lento ma segue i ritmi di un’esistenza travagliata, quella di un ragazzino abbandonato dal padre egoista e costretto a passare attraverso le critiche fasi di sfiducia, bisogno di attenzione e di amore che ogni adolescente in questa situazione cerca. La maturià passa attraverso la durezza dell’esperienza ma lo spiraglio di positività lasciato intendere dalla figura della parrucchiera c’è ed è concreto.
E’ una pellicola sobria e realistica, non disfattista ma sincera. Di quelle che non si perdono in frasi ridicole, in sceneggiature pompose, ma che per quello che ha da dire arriva al nocciolo.

Lascia un commento

jfb_p_buttontext