Recensione su Il profumo della signora in nero

/ 19746.924 voti

Caposaldo / 18 Giugno 2015 in Il profumo della signora in nero

Pietra miliare, ma ahimè misconosciuto del gotico italiano nel periodo di fulgore del genere, che sfortunatamente non ha goduto della fama che avrebbe meritato. Stessa cosa si può dire del suo autore, anche se sono statici molti in seguito ad averne tratto ispirazione. Debitore di Polanski, segue comunque un percorso proprio costruendo un ri atto femminile non banale , e che sarebbe da solo un buon trattato di psicanalisi .Al centro di tutto la Mimsy Farmer di “4 mosche ” e Macchie Solari, perfetta nel ruolo di vittima predestinata . L’incessante piano sequenza iniziale e il finale spiazzante sono le chiose perfette della vicenda .

Lascia un commento

jfb_p_buttontext