2009

Il papà migliore del mondo

/ 20096.422 voti
Il papà migliore del mondo
Il papà migliore del mondo

Il figlio di Lance è morto in seguito ad un grottesco incidente a sfondo sessuale: per evitare uno scandalo, Lance non ha mai diffuso la vera dinamica del fatto, spacciandolo per suicidio. Dopo aver scritto una finta lettera d'addio, Lance tenta di salvare ulteriormente le apparenze scrivendo un finto diario segreto, spacciandolo per quello del figlio. Il successo è inaspettato.
Stefania ha scritto questa trama

Titolo Originale: World's Greatest Dad
Attori principali: Robin WilliamsAlexie GilmoreDaryl SabaraGeoff PiersonHenry SimmonsTony V., Mitzi McCall, Morgan Murphy, Naomi Glick, Dan Spencer, Zachary Vitale, Evan Martin, Ellie Jameson, Michael Thomas Moore, Ray Mist, Jermaine Williams, Lorraine Nicholson, Krist Novoselic, Rebecca Erwin Spencer, Cheri Minns, Zazu, Mable Mae, Toby Huss, Deborah Horne, Bruce Hornsby, Riley Dean Stone, Jill Talley, Tom Kenny
Regia: Bobcat Goldthwait
Sceneggiatura/Autore: Bobcat Goldthwait
Fotografia: Horacio Marquínez
Produttore: Edward H. Hamm Jr. , Jennifer Roth, Richard Kelly, Sean McKittrick, Tim Perell, Howard Gertler
Produzione: Usa
Genere: Drammatico, Commedia
Durata: 99 minuti

Dramma grottesco / 16 Ottobre 2015 in Il papà migliore del mondo

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Guardando questo film, mi è risultato praticamente impossibile non pensare a tre cose. Nell’ordine:
1. la tragica dipartita di Robin Williams;
2. la tragica dipartita di Michael Hutchence degli INXS;
3. mentre ne L’attimo fuggente Williams faceva appassionare alla poesia i suoi studenti con un personaggio di grande carisma, qui il suo Prof. Clayton -docente di poesia in un liceo, per l’appunto- è un uomo incolore e pressoché incapace di suscitare qualsivoglia scintilla nel prossimo che eluda dalla naturale tenerezza.

Film curiosamente grottesco che fa oscillare lo spettatore tra il disturbo generato da un personaggio discutibile come il figlio erotomane, viziato, ineducato e potenziale maniaco ossessivo-compulsivo e l’istintiva complicità con un padre realmente straziato dal conflitto tra l’affetto per una creatura indecifrabilmente ingrata ed una sorta di sentimento di liberazione da essa.
La scena del ritrovamento del cadavere, in questo senso, è davvero particolare, in bilico tra il boccaccesco e, ovviamente, il dramma più profondo.

Bella colonna sonora, dal brillante mood indie.
Dopo It’s a kind of a funny story, Under pressure dei Queen + Bowie si conferma uno tra i brani “cinematografici” più liberatori di sempre.
E, poi, la versione piano solo di Mandolin Rain di Bruce Hornsby mi è piaciuta un bé.

Leggi tutto

13 Ottobre 2014 in Il papà migliore del mondo

Il film tratta un tema terribile…la morte di un figlio.
Certo la chiave qui è un’altra….visto che il padre per salvare il figlio da brutte chiacchiere simula un suicidio, una lettera d’addio e un diario inesistente. Tutto questo avrà conseguenze inaspettate.
Il potere delle parole e quanto questo possa cambiare l’atteggiamento delle persone…ma alla fine la verità ti rende libero. Da brividi.

P.S. Robin Williams bravissimo. E’ agghiacciante quando dice “Se ti senti depresso ricorda…il suicidio è una soluzione definitiva a problemi passeggeri”.
Purtroppo hai scelto la soluzione definitiva. Ci mancherà il tuo genio creativo e la tua indiscussa bravura!!!!!!!!!!!!!!!!!

Leggi tutto