Recensione su Il mistero di Sleepy Hollow

/ 19997.2856 voti

12 Dicembre 2014

A mio modesto parere uno dei film piu’ belli e sottovalutati di Tim Burton.
Un horror molto particolare, venato dall’inizio alla fine di una sottile e grottesca ironia che, in piu’ di un’occasione, suscita una piacevole e sana risata.
Burton sorprende lo spettatore fin dall’inizio, preparandoci alla visione di una Sleepy Hollow inquietante e spettrale, una perfetta incarnazione di una citta’ gotico-fiabesca nella quale il regista e’ completamente a suo agio.
Burton riprende tutti i temi a lui piu’i, a partire da quello del mostro/diverso, presente gia’ in “Edward mani di forbice” e in “Nightmare before Christmas” e il monito finale e’ sempre lo steso, non e’ il mostro a essere malvagio, ma e’ la mano umana che lo comanda a esserlo…
Il personaggio piu’ interessante e’ il cavaliere senza testa, una sorta di Terminator ante litteram, maestoso, elegante, inquietante nella sua sanguinosa vendetta, nelle sue apparizioni
La fotografia e’ qualcosa di sublime, ricca di chiaroscuro, cupa, oscura, ma fortemente vitale…non sorge mai il sole a Sleepy Hollow, e’ sempre nascosto dalle nubi…
La magia e’ presente, comanda quasi tutte le azioni dei protagonisti(sia essa bianca o nera), mentre la religione viene vista come oppressione, come una forma di bigottismo e di censura verso tutto cio’ che e’ fuori dagli schemi.
Ottima la performance di Johnny Deep(il suo Ichabold Crane, con i suoi continui svenimenti e le sue astruse supposizioni e’ uno dei personaggi decisamente piu’ irresistibili del panorama burtoniano) e ottima anche la performance di Christian Ricci, una bellissima e sexy dark lady.
Come ripeto per ,e uno dei film piu’ belli di Burton, simbolo indiscusso della genialita’di questo regista, della sua mente cosi’ visionaria e romantica.
Il libro di Irving da cui e’ stato tratto questo film e l’omonima serie televisiva sono state invece due delusioni…

Lascia un commento

jfb_p_buttontext