Recensione su Il lato positivo - Silver Linings Playbook

/ 20127.1811 voti

Oscar a orologeria / 17 Aprile 2013 in Il lato positivo - Silver Linings Playbook

ATTENZIONE su indicazione dell'autore, la recensione potrebbe contenere anticipazioni della trama

Avete presente quando un attaccante viene falciato in area di rigore, l’arbitro non fischia e poi dopo 5 minuti c’è un altro fallo meno grave su di lui e questa volta il rigore arriva?
Ecco è successo più o meno questo. E il grande regista russo (in realtà mediano) Boskov soleva dire:rigore è, quando arbitro fischia.
Per il resto concordo con le altre recensioni positive:ottima regia, ottimi attori, mi è piaciuto molto Chris Tucker.
La Lawrence?non sono obiettivo, mi è troppo simpatica.
Però secondo me è magnetica, anche se è chiaro che non lo è per tutti.
Penso abbia una recitazione un pò da sgrezzare, che sia unica e abbia grandi margini di miglioramento.
Nel complesso dei due film un oscar ci stava.
In questo film mi chiedo, perché a lei e non a Cooper? siamo li.

Per come si è sviluppata la storia, il finale è stato troppo happy.
Il titolo italiano lo spoilera tra l’altro.Complimentoni.
Dato che c’erano potevano chiamarlo Il finale positivo o il lato positivo (finirà tutto bene).
Questo rovina tutto il film? per me no.

4 commenti

  1. mithen86 / 13 Luglio 2013

    mi trovi pienamente d’accordo su quasi tutti i fronti…l’oscar a cooper (perchè a lui no?), l’happy ending da crisi iperglicemica che, ok, sono d’accordo con te, non rovina il film ma di certo non lo aiuta…
    la mia unica perplessità? La Lawrence.Non lo so non mi convince

  2. Presenza / 15 Luglio 2013

    @mithen86 credo ci sia una forte componente personale nella sua recitazione (che probabilmente non è neanche una cosa buona professionalmente parlando), ma che, se ti è simpatica, te la fa piacere molto.
    Non so, devi entrare in sintonia con lei e le microgag che fa mentre recita.
    Poi, devo ancora vedere Amour, ma per quanto riguarda le altre due concorrenti alla statuetta, non mi pare che avessero parti particolarmente sfaccettate da permettere loro di vincere. 🙂
    diciamo che le andata anche bene.

    • Stefania / 15 Luglio 2013

      Sarà anche per via del ruolo delicato, ma -per me- la Riva avrebbe meritato di gran lunga l’Oscar: incarna ottimamente il declino psicofisico del personaggio affidatole.
      L’interpretazione della Lawrence, al di là della statuetta, non mi è parsa particolarmente degna di nota. Personalmente, finora, non mi ha mai impressionata, se non quando la vidi per la prima volta in The Burning Plain e mi parve “matura”, una giovane attrice sufficientemente sicura dei suoi mezzi. Da lì in poi, l’ho vista sempre nello stesso ruolo declinato di volta in volta in maniera impercettibilmente differente, ma con la solita espressione imbronciata.

      • Presenza / 15 Luglio 2013

        *diciamo che le E’ andata anche bene* mi son perso una “è”. non aveva grande concorrenza -a parte la Riva che non ho ancora visto purtroppo-
        Però non posso escludere che dopo aver visto Amour, io non debba darti ragione. 😉

Lascia un commento

jfb_p_buttontext