Deserto rosso

/ 19647.797 voti
Deserto rosso

Giuliana è sposata con Ugo e ha un figlio, ma non riesce ad essere soddisfatta della sua vita. La donna, in preda alla depressione, intreccia una relazione sentimentale con un collega del marito, Corrado Zeller, di professione ingegnere, ma neanche con quest'ultimo Giuliana trova la felicità. Nel 1964 Il deserto rosso vinse il Leone d'oro alla Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, nel 1965 il Nastro d'argento per la Miglior Fotografia (Carlo Di Palma).
schizoidman ha scritto questa trama

Titolo Originale: Il deserto rosso
Attori principali: Monica VittiMonica VittiRichard HarrisRichard HarrismaschioCarlo ChionettiXenia ValderiXenia ValderiRita RenoirRita RenoirLili Rheims, Aldo Grotti
Regia: Michelangelo AntonioniMichelangelo Antonioni
Sceneggiatura/Autore: Michelangelo Antonioni, Tonino Guerra
Colonna sonora: Giovanni Fusco, Vittorio Gelmetti
Fotografia: Carlo Di Palma
Costumi: Gitt Magrini
Produttore: Tonino Cervi
Produzione: Italia
Genere: Drammatico
Durata: 117 minuti

Dove vedere in streaming Deserto rosso

Opera sopravvalutata / 31 Marzo 2020 in Deserto rosso

Il deserto rosso di Michaelangelo Antonioni si presenta come un’opera visivamente affascinante con il suo mescolare colori freddi e cupi a colori dai toni vivaci e accessi, ma nel complesso la considero oltremodo sopravvalutata.
Il film è molto lento e tedioso con le sue lunghe pause che causano tempi morti che distolgono ben presto l’attenzione dello spettatore venutosi a creare dal fascino della fotografia. Ciò che è stato raccontato in quasi 120 minuti di pellicola poteva essere sintetizzato in 90 o anche 80 minuti, risparmiandoci il protrarsi di alcune scene a parer mio superflue.
La storia è in largo modo incomprensibile e criptica. Persone alienate in una società grigia e tetra, dove fanno da sfondo industrie e fiumi ricoperti di catrame in una cornice di nebbia, restano incomprensibili i motivi del loro alienamento, ma certo che con un paesaggio così non ti viene di sprizzare gioia e vitalità. La protagonista, Giuliana, interpretata da Monica Vitti, diventa ben presto pesante con il suo comportamento, più che depresso, direi nevrotico/schizofrenico. Di depressione ho visto ben poco.
L’iconica frase “Mi fanno male i capelli” la quale tutti non fanno che citare senza spiegarne il significato, mi suona come una frase tragi-comica e surreale, di una persona che soffre di schizofrenia, e che mi ha ricordato l’ancora più surreale frase pronunciata da Homer Simpson, appena uscito da un manicomio per un esaurimento nervoso dove dice “Mi fanno male le tasche”. Lo so, un paragone surreale anche questo.

Film che non penso rivedrò mai più, al quale darei un 5 e mezzo che arrotondo a 5. Se qualcuno mi volesse spiegare qualcosa che forse mi è sfuggito, sarei ben felice di ascoltarlo.

Leggi tutto

Paesaggio industriale / 16 Settembre 2017 in Deserto rosso

Un film il cui fascino sta soprattutto nel paesaggio industriale in cui è ambientato: inquinato, brutale, dai colori smorti, a tratti più ancestrale che moderno, con una sua vitalità primitiva che emerge anche in mezzo ai fumi velenosi e che fa sembrare irreale per confronto la famosa spiaggia rosa dell’isola di Budelli, mostrata brevemente in un intermezzo un po’ gratuito. Curioso l’accenno a una certa libertà sessuale incipiente, che non ci si aspetterebbe in un film di quest’epoca (anche se in fondo mancano solo quattro anni al ’68).
Purtroppo la trama non è all’altezza delle ambizioni del film; dopo la prima metà comincia a sfibrarsi, sfiorando in qualche caso il grottesco, a partire dalla scena della nave col malato a bordo, passando per la scena in albergo, in cui la protagonista pronuncia la famosa – o famigerata – battuta «mi fanno male i capelli».
La recitazione della Vitti mi è parsa un po’ ineguale, e non sempre pienamente convincente. Richard Harris sembra per parte sua un po’ estraneo al film, probabilmente anche a causa del doppiaggio in un italiano perfetto che contrasta con le inflessioni dialettali degli altri personaggi.

Leggi tutto